L'intramontabile FIAT 600 auto del boom economico.

Fiumi di parole si sono detti sulla mitica Fiat 600, un'auto semplice che ha motorizzato tanti italiani nel periodo del boom economico e che può essere considerata la prima citycar “moderna”.

La mitica Fiat 600 compie 65 anni, venne prodotta dalla casa automobilistica italiana, guidata da Vittorio Valletta, dal 1955 al 1969 nello storico stabilimento di Mirafiori. Per il progetto della FIAT 600 Valletta incaricò Dante Giacosa, e la nova auto venne presentata a Ginevra il 9 marzo del 1955 nel Palazzo delle Esposizioni.

Problemi di stabilità e messa a punto accompagnarono i primi collaudi, ma la FIAT 600 migliorò velocemente, diventando presto un veicolo solido ed affidabile.

Nata per rimpiazzare l’obsoleta 500 “Topolino”, viene modificata nel 1957 aumentando la potenza a 22 CV e sostituendo i vetri scorrevoli con quelli discendenti.

La potenza fu ulteriormente aumentata negli anni successivi: 24 CV nel 1959 e 29 nel 1960 in occasione del lancio della FIAT 600 D.

Solo nel 1964 arriveranno le portiere a vento (con cerniera anteriore).

Oltre al nuovo motore quattro cilindri posteriore con cilindrata di 633 cm³ ed al favorevole rapporto prezzo/ prestazioni quello in cui la FIAT 600 si dimostro innovativa ed al passo con i nuovi tempi moderni, fu la strategia di presentazione: L’azienda torinese sfruttò le potenzialità della giovane Televisione Italiana per promuovere la sua nuova vettura. Grazie a una serie di cortometraggi realizzati da CineFiat, la Rai fu un veicolo di pubblicizzazione estremamente efficace per la nuova FIAT 600.

Complessivamente, Fiat produsse oltre 5.000.000 di esemplari del modello FIAT 600, di cui poco più della metà delle unità riservate al mercato italiano e le restanti esportate in Europa ma anche nella America del sud (Argentina e Cile) per la presenza dei tanti emigrati italiano

La scheda tecnica della FIAT 600

Munita di due portiere controvento (ossia incernierate posteriormente, o porte a vento in inglese suicide doors), con una abitabilità di quattro posti (abbastanza comodi) ed il nuovo propulsore in grado di sviluppare una potenza di 21,5 CV a 4600 giri/min, con una velocità massima di 95 km/h, la FIAT 600 aveva dalla sua un prezzo di vendita particolarmente conveniente: meno di 600.000 lire. Un prezzo subito definito “popolare” tanto più che veniva introdotta la possibilità dell'acquisto a rate !

Proprio la velocità massima, che oggi sembra da passeggio, per l'epoca (e per la classe utilitaria del veicolo) era invece considerata diversamente, tant'è che, in un collaudo anche il compianto Gianni Agnelli, al termine di un giro di prova a Villar Perosa, ebbe a definirla “ottima, ma un tantino veloce…”.

In quegli anni lo stipendio medio di un operaio era di 40.000 lire, un litro di benzina costava 100 lire ed un quotidiano 25 lire.

Anche i consumi erano favorevoli, in quarta ad una media di 70 Km/h era in grado di percorrere fino a 14 km con 1 litro.

Le dimensioni erano di 320 centimetri di lunghezza, 138 cm di larghezza e 140 cm di altezza.

Grazie a queste caratteristiche tecniche e commerciali, il marchio italiano ottenne un successo di vendite straordinario: Il prezzo, la dotazione fornita, la discreta abitabilità e il buon comportamento stradale permisero alla FIAT 600 di diffondersi a macchia d'olio nella motorizzazione della classe media italiana.

Le versioni della FIAT 600

Della FIAT 600 vennero proposte 6 versioni, senza contare le customizzazioni di carrozzieri di un certo livello come il torinese Giannini specializzato nei modelli FIAT.

Ma anche nello sport la FIAT 600 seppe conquistarsi un ruolo di primo piano con le derivate Abarth che popolarono circuiti e crono-scalate, diventando palestra per varie generazioni di piloti.

  1. FIAT 600 1ª serie (marzo 1955-febbraio 1957 Ginevra il 9 marzo del 1955 Palazzo delle Esposizioni prezzo 590.999 lire);
  2. FIAT 600 2ª serie (marzo 1957-febbraio 1959) presentata a Parigi il prezzo sale a 640.000 lire;
  3. FIAT 600 3ª serie (marzo 1959-settembre 1960 vede un ammodernamento del frontale ed i paraurti in gomma);
  4. FIAT 600D 1ª serie (settembre 1960-aprile 1964);
  5. FIAT 600D 2ª serie (maggio 1964-ottobre 1965); 600D 3ª serie (novembre 1965-dicembre 1969).

La FIAT 600 uscirà definitivamente di produzione nel 1969 per lasciare il posto alla 850. In nemmeno quindici anni la FIAT 600 rappresenterà per la FIAT un vero record di vendite tra le case automobilistiche di allora.

Video Della FIAT 600

I vantaggi delle 'portiere a vento'

Articoli collegati: