COVID-19, Presentazione al PRA di pratiche via PEC o mail

In occasione dell'Emergenza COVID-19 era già stato consentito dal 14 aprile 2020 richiedere al PRA via PEC o via mail alcune pratiche che rivestono particolare carattere di indifferibilità e di urgenza, allegando la nota di richiesta e la relativa documentazione a supporto in formato PDF, nonché la ricevuta del pagamento.

L'elenco delle formalità previste è stato aumentato ed il servizio ulteriormente migliorato.

Modalità operative di presentazione al PRA di pratiche via PEC o mail



Ecco le tipologie di pratiche gestite mediante le “procedure eccezionali” che è possibile richiedere al PRA con email o PEC:

A. iscrizioni e cancellazioni di pignoramenti/sequestri e cancellazioni di fallimenti/procedure concorsuali (su istanza di parte);
B. trascrizione e cancellazioni di domande giudiziali;
C. cancellazione del Fermo amministrativo (su istanza di parte, con provvedimenti di revoca emessi prima del 1° gennaio 2020);
D. annotazione della sospensione del Fermo amministrativo (su istanza di parte);
E. cancellazioni vincoli/gravami propedeutici alla presentazione di radiazioni di veicoli dal PRA, per demolizione o esportazione all’estero
F. pratiche con forzatura importi (ad eccezione dei trasferimenti di proprietà, per cui si rimanda al paragrafo precedente, nonché pratiche basate su qualsiasi altra tipologia di atto);
G. iscrizione di ipoteca giudiziale;
H. annotazione della perdita di possesso (causali: FU - furto e DS - “ai fini tributari” con Dichiarazione sostitutiva- altre causali);
I. rientro in possesso;
J. trascrizione Decreto liquidazione da sovraindebitamento (L. n. 3/2012);
K. trascrizione trasferimento di proprietà sulla base del cd. “provvedimento d’urgenza” (ex art.700 cpc);
L. sospensione del pignoramento,
M. trascrizione trasferimento di proprietà a tutela del venditore solo se basato su provvedimento giudiziario (es. sentenza del giudice di pace).

Le suddette pratiche possono essere richieste dagli STA, dagli Avvocati, dai Curatori fallimentari, da eventuali altri Soggetti Titolati nonché dai privati cittadini, secondo le indicazioni fornite di seguito in dettaglio.

Presentazione da parte di privati cittadini

I privati cittadini possono richiedere le pratiche di cui alle lettere A (limitatamente alle cancellazioni), C, D, H, I, L e M del sopra riportato elenco, inviando la richiesta all’Ufficio del PRA della propria Provincia, tramite PEC o mail (i relativi indirizzi sono reperibili sul sito www.aci.it nella sezione Sedi e Punti di servizio, selezionando la Provincia di interesse).

Ciascun documento da allegare deve essere scannerizzato singolarmente in formato pdf (se il documento è composto da più pagine, la scansione delle pagine deve essere salvata in uno stesso file pdf). Ciò si rende necessario per consentire all’operatore PRA la corretta predisposizione del fascicolo digitale della pratica e, nell’ambito dello stesso, il trattamento adeguato dei documenti sensibili o riservati.

L’intestatario deve seguire le indicazioni, per ogni singola tipologia di pratica, comprensive degli importi dovuti.

I pagamenti delle pratiche in parola devono essere effettuati mediante PagoPA.

Presentazione da parte di Avvocati (o, nei casi previsti, dai Curatori fallimentari e dagli altri soggetti titolati)

Gli Avvocati e, per le pratiche previste, i Curatori fallimentari e gli altri Soggetti “titolati”, possono trasmettere (esclusivamente via PEC) le pratiche di cui alle lettere A, B, G, J, K , L e M dell’elenco sopra riportato, da indirizzare all’Ufficio PRA della propria Provincia, secondo le seguenti modalità:

  • scaricare e compilare la nota libera NP-3C dal sito Aci, alla pagina: http://www.aci.it/i-servizi/guide-utili/guida-pratiche-auto/modulistica-pra.html ;
  • allegare la documentazione a corredo (Provvedimento “giudiziario”) e copia del proprio documento d’identità/riconoscimento nonché quella del documento d’identità/riconoscimento del soggetto assistito (beneficiario della pratica);
  • allegare la ricevuta del pagamento, effettuato secondo le modalità di cui al successivo paragrafo.

Il pagamento (laddove non siano invocate esenzioni) deve ricomprendere, oltre a 32 euro di imposta di bollo, anche 27 euro a titolo di emolumenti ACI, a cui va aggiunta l’IPT limitatamente alle pratiche di:

  • trasferimento di proprietà ex art.700 cpc: IPT da calcolare in modo “proporzionale”, sulla base degli elementi fiscali del veicolo. Per il calcolo dell’importo IPT dovuto, si prega di fare riferimento alla seguente pagina del sito istituzionale dell’Ente:
  • iscrizione di ipoteca legale (nella misura indicata dall'articolo 3 della tabella dell'IPT, pari all’1,46% della somma garantita, costituita dal capitale e dagli interessi, con un importo minimo da versare di €150,81, ferma restando l’eventuale maggiorazione stabilita dalla singola Provincia fino a un massimo del 30% e gli arrotondamenti di legge all’unità di euro inferiore o superiore)
  • trasferimento di proprietà a tutela del venditore con sentenza (nei casi in cui è dovuta anche tenendo conto di particolari disposizioni deliberate dalle singole Province)
  • cancellazione del fallimento/procedura concorsuale : IPT in misura fissa, comprensiva della percentuale di maggiorazione stabilita dalla singola Provincia.

L’ Ufficio PRA, in tutti i casi suddetti, una volta completata la lavorazione dell’istanza richiesta mediante le modalità sopra indicate, invierà al richiedente, dopo averla protocollata in uscita, sempre tramite PEC o mail, l’attestazione dell’avvenuto espletamento.

Modalità di pagamento tramite PagoPA

Per effettuare il pagamento di tutte le pratiche richieste con le modalità eccezionali sopra indicate, si deve procedere nel seguente modo:

  • Accedere al sito www.aci.it - menù servizi - Tutti i servizi - e scegliere il servizio denominato “Pagamento Formalità PRA presso UMC”, che permette di effettuare pagamenti di importi liberi;
  • dopo aver selezionato “nuovo pagamento”, compilare la form inserendo i dati richiesti e specificando, quale codice pratica, il codice convenzionale C03301, a prescindere dalla tipologia di pratica per cui si effettua il pagamento;
  • effettuare il pagamento della somma totale dovuta al PRA per la pratica richiesta;
  • compilare gli altri campi inerenti le informazioni di colui che effettua il pagamento (soggetto beneficiario della pratica/soggetto passivo d’imposta);

La ricevuta, recante il codice IUV del pagamento tramite sistema PagoPA, va inviata all’Ufficio PRA della propria Provincia, nella medesima PEC/mail di richiesta della pratica, unitamente alla nota di richiesta e alla ulteriore documentazione necessaria.

Trattandosi di procedure realizzate in regime eccezionale, quindi, con modalità non strutturate, gli Uffici PRA provvederanno ad evadere le richieste compatibilmente alla situazione di emergenza, assicurando, per quanto possibile e in relazione al numero delle richieste, i consueti livelli di servizio.

Articoli collegati: