A+ A A-
  • Categoria: Tecnica

L'uso della benzina verde su auto e moto storiche.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Fino al 2001 i distributori di carburante erogavano la benzina rossa super, normale, e la miscela per i 2 tempi.

La benzina "super" conteneva il benzene ed il piombo tetraetile, molto dannoso per la salute, e per questo motivo i due carburanti vennero tolti dalla circolazione in quanto generavano una alta quantità di inquinanti.

Utilizzando infatti la benzina rossa si subivano i danni del benzene e del piombo che, pur non essendo inserito nelle tabelle di sostanze altamente cancerogene, è un veleno potentissimo in quanto precipita nel sottosuolo e viene riassorbito attraverso l'acqua e ce lo ritroviamo nei rubinetti di casa, nell'irrigazione e nell'alimentazione degli animali.

Il piombo però, presente nella benzina rossa super, contribuiva a lubrificare le sedi delle valvole (organi che lavorano non lubrificati dall'olio contenuto nel motore) in quanto vi si depositava sopra (almeno nei motori particolarmente economici).

Inoltre la benzina super aveva un numero di ottani più alto dell'attuale verde (97 contro i 95 imposti nella verde dallo standard "Eurosuper" e misurato secondo la specifica RON), e ciò favoriva una migliore combustione.

Il numero di ottano indica il potere ANTIDETONANTE della benzina, ossia la tendenza a non autoaccendersi alle alte temperature.

L'autoaccensione è un inconveniente che si manifesta con battiti in testa del motore e, nei motori più vecchiotti e privi di controlli elettronici, portava a far rimanere in moto il veicolo anche dopo aver girato la chiave di accensione.

Le benzine moderne ad altre prestazioni (Agip BluSuper, Shell V-Power, Hi-Q8, ecc) portano tale valore fino a 105 ottani.

L'uso della benzina verde nei motori 2 tempi.

Per quanto riguarda i motori 2 tempi il discorso è più semplice in quanto tutti gli organi a contatto con il carburante sono già lubrificati dall'olio miscelato in esso.

Quindi questi motori vengono influenzati solo marginalmente dalle problematiche dell'uso della benzina verde, così come i veicoli molto vecchi, anche 4 tempi, progettati per funzionare con la benzina "normale" (già priva di piombo).

Come sostituire quindi la benzina super per i nostri veicoli storici?

Premesso quindi che la benzina "verde" può creare problemi ai motori datati che non sono stati progettati per questo carburante perchè aumenta l'usura di valvole/sedi e valvole/guide valvole, la soluzione migliore è quella di miscelare gli speciali additivi facilmente reperibili in commercio e che hanno la funzione proprio di lubrificare gli organi di distribuzione ed aumentare il numero degli ottani.

Questi prodotti sono per lo più a base di potassio, sodio o fosforo, tutti prodotti in grado di sostituire il piombo nella sua azione lubrificante.

I danni provocati dall'uso della benzina verde sui motori storici.

Il basso numero di ottani può innescare fenomeni di "detonazione", ossia  di accensione spontanea della miscela aria/benzina prima dello scoccare della scintilla sulla candela, ciò nel tempo può causare danni al pistone ed alle bronzine.

La mancanza di piombo aumenta quindi l'usura di valvole e sedi quindi occorre controllare più frequentemente i valori di gioco a freddo delle punterie.

L'usura del materiale porta infatti le valvole a rientrare nella propria sede, così il gioco delle punterie diminuisce fino ad annullarsi.

Senza gioco, la valvola non chiude più, e quindi si "brucia".

In questo caso bisogna rifare la testata sostituendo valvole, sedi e guide e rettifica manuale dell'accoppiamento valvola/sede.

.... Basta un attimo ... per cambiare la tua vita e quella di chi ti vuole bene.

Sii prudente sempre ... Basta un attimo ... pensaci prima.

AutoInformazione.org è vicina alle vittime della strada ed ai loro familiari.