A+ A A-
  • Categoria: Sicurezza

Per le nuove immatricolazioni auto, da novembre 2014 è obbligatorio l' ESP.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Da novembre 2014 auto e veicoli commerciali leggeri devono essere vendute provviste del sistema antisbandamento ESP

Si tratta di un obbligo importante per la sicurezza degli automobilisti in quanto, dopo le cinture, l'Esp è ritenuto dagli esperti il sistema di sicurezza più importante a bordo dei veicoli e può evitare fino all'80% di tutti gli incidenti dovuti a sbandamento.

Cosa è l'ESP.

L'ESP (Elektronisches Stabilitätsprogramm, VDC Vehicle Dynamic Control) è un sistema di sicurezza attiva per autoveicoli ed è il nome commerciale dell'ESC (Electronic Stability Control).

L'ESP è dunque un sistema per il controllo della stabilità dell'automobile, che agisce in fase di sbandata, regolando la potenza del motore e frenando le singole ruote con differente intensità in modo tale da ristabilizzare l'assetto della vettura.

L'ESP riesce a correggere sia situazioni di sovrasterzo che sottosterzo, che si possono verificare in caso di errata impostazione di una curva, sia in caso di improvvisa deviazione di traiettoria, riuscendo così ad evitare lo sbandamento del veicolo.

L'ESP, nato in Bosch come evoluzione dell'ABS, fu introdotto per la prima volta in un'auto dalla Mercedes nel 1995. L'ESP è normalmente associato ai sistemi di controllo della trazione (TCS) ed all'antibloccaggio delle ruote (ABS), in quanto, anche per loro, si tratta di sistemi complementari al mantenimento della stabilità del veicolo nelle varie condizioni di marcia: frenate decise in curva, sul bagnato o su fondo con bassa aderenza oppure in caso di frenata con diversa aderenza alle ruote.

Come è fatto e funziona l'ESP.

L'ESP rileva, tramite alcuni sensori, i dati che arrivano dalla vettura in movimento:

  • 4 sensori di velocità (uno per ruota) integrati nel mozzo ruota che comunicano alla centralina la velocità istantanea di ogni singola ruota;
  • 1 sensore di angolo di sterzo, che comunica alla centralina la posizione del volante e quindi le intenzioni del guidatore;
  • 3 accelerometri (uno per asse spaziale) normalmente posizionati a centro vettura, indicano alla centralina le forze agenti sull'automobile;
  • alcuni sensori già presenti sulla gestione motore come la posizione della farfalla dell'acceleratore e il sensore del freno.

La centralina ESP interviene sia sull'alimentazione del motore (riducendone la coppia) che sulle singole pinze freno, correggendo la dinamica della vettura.

  • In caso di sottosterzo i freni intervengono frenando la ruota posteriore interna alla curva, creando quindi un momento meccanico opposto alla sbandata;
  • in caso di sovrasterzo viene frenata la ruota anteriore esterna alla curva, generando sempre un movimento opposto.

(WikiPedia).

Tagged under: sicurezza,

.... Basta un attimo ... per cambiare la tua vita e quella di chi ti vuole bene.

Sii prudente sempre ... Basta un attimo ... pensaci prima.

AutoInformazione.org è vicina alle vittime della strada ed ai loro familiari.