A+ A A-
  • Categoria: Proprietà

Come può tutelarsi il venditore se l'aquirente non trascrive al PRA la proprietà dell'auto acquistata.

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

TUTELA DEL VENDITORE: Come tutelarsi se l'acquirente non trascrive al PRA la proprietà dell'auto acquistata?

Da qualche anno la trascrizione della proprietà al PRA si svolge in modo veloce e sicuro grazie allo sportello telematico dell'automobilista (STA).

Acquirente e venditore si recano infatti in uno studio di consulenza abilitato ed effettuano l' autentica della sottoscrizione della vendita e la trascrizione a PRA e Motorizzazione della nuova proprietà CON AGGIORNAMENTO IN TEMPO REALE DEI DOCUMENTI DI CIRCOLAZIONE.

Dobbiamo però ricordare che la norma generale del Codice della Strada prevede che chi acquista un veicolo usato ha 60 giorni di tempo per trascrivere il passaggio di proprietà all’ufficio provinciale del PRA.

Può quindi accadere che l'acquirente 'dimentichi' di effettuare la trascrizione e non adempia all'onere che è a suo carico.

Cosa accade e, sopratutto, come comportarsi quando l'acquirente dell'auto non trascrive?

Giuridicamente il venditore, esibendo una copia dell'atto di vendita, può essere esonerato da ogni responsabilità perchè l'autentica della sottoscrizione da alla scrittura privata una data certa e da quella data non è più proprietario.

Però chi ha venduto ed è rimasto intestatario al PRA dell'auto, molto probabilmente può essere chiamato a rispondere delle conseguenze derivanti dal presunto possesso del veicolo (pagamento bollo auto, eventuali multe per violazioni del codice della strada).

Come può tutelarsi il venditore?

Il venditore che si trova in questa posizione ha due possibilità:

- richiedere la registrazione al PRA a tutela del venditore (Art. 11 D.M.514/1992), in deroga alla norma generale che dice che l'onere della presentazione spetta all'acquirente;

- ricorrere alla magistratura per ottenere una sentenza di accertamento dell'avvenuta vendita, con ordine per il PRA di trascrivere la nuova proprietà.

 

Nel primo caso  il venditore, se è in possesso dell'atto di vendita, può richiederne al PRA 

Quali sono i documenti necessari per il trasferimento di proprietà a tutela del venditore ai sensi dell' Art. 11 D.M.514/1992 ?

Non sono necessari i documenti dell'auto perchè sono stati consegnati all'acquirente basta portare al PRA una marca da bollo da 16 euro per la rinnovazione della dichiarazione di vendita,  ossia forma una nuova scrittura privata autenticata che costituisce il titolo da trascrivere al PRA (questo atto si può autenticare direttamente presso gli uffici del PRA )

Si può ottenere la trascrizione a tutela del venditore anche con l'atto di vendita originale (se se ne è in possesso)

In ufficio sarà fatto compilare il modulo di presentazione denominato NP3B.

La registrazione è a spese del venditore.

Il ricorso alla magistratura per l'accertamento dell'avvenuta vendita.

Nel caso invece del ricorso alla magistratura ( Giudice di Pace oppure giudice ordinario), il venditore può ottenere una sentenza attestante  l’avvenuta vendita del veicolo a favore dell’acquirente e l'ordine per il PRA di trascriverla sul Publico Registro.

La sentenza del giudice costituisce il titolo per chiedere il passaggio di proprietà a tutela del venditore. Anche in questo caso, il costo della trascrizione è a carico dell'acquirente.

Con questa procedura si aggiorna solo l'archivio del PRA che è l'archivio giuridico dei veicoli da cui i vari enti traggono l'informazione relativa ai proprietari, successivamente occorre recarsi in Motorizzazione per richiede analogo aggiornamente degli archivi della circolazione.

Scarica il fac-simile per la rinnovazione della vendita a tutela del venditore.

.... Basta un attimo ... per cambiare la tua vita e quella di chi ti vuole bene.

Sii prudente sempre ... Basta un attimo ... pensaci prima.

AutoInformazione.org è vicina alle vittime della strada ed ai loro familiari.