A+ A A-

  • Categoria: Proprietà

Reiscrizione al PRA di un veicolo storico radiato d'ufficio dal Pubblico Registro Automobilistico per mancato pagamento del bollo auto.

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Indice articoli

Perchè alcuni veicoli sono stati radiati d'ufficio dal Pubblico Registro Automobilistico.

La radiazione d'ufficio è una procedura prevista prima che il bollo auto diventasse tassa di proprietà.

In caso di mancato pagamento della tassa di circolazione per tre anni consecutivi il PRA, sulla base della presunzione che il mancato pagamento significasse mancata circolazione del veicolo, radiava il veicolo stesso dal Pubblico Registro Automobilistico. (art. 96 codice della Strada).

Ogni radiazione era anticipata all'intestatario con comunicazione scritta per dargli modo di evidenziare che il mezzo era in realtà in circolazione.

Un certo numero di comunicazioni non ha però raggiunto gli interessati per una serie di motivi: cambio di indirizzo, trapasso auto ad altro soggetto ecc..

Ad oggi, quindi, molte auto e moto sono ancora in circolazione anche se formalmente risultano radiate dal PRA.

Si tratta per la maggioranza dei casi di veicoli vecchi che, proprio per questo adesso hanno anche un valore storico oltre che affettivo.

Cosa fare quindi se è in possesso di un'auto o una moto storica che risulta radiata d'ufficio dal PRA?

Se si è in possesso, oltre che del mezzo, almeno delle targhe, è possibile reiscrivere il veicolo al PRA mantenendo lo stesso numero di targa. (art.18 L.289/2002 - legge finanziaria 2003)

Questa possibilità viene data proprio in funzione del valore storico del veicolo, per questo motivo è indispensabile che lo stesso venga iscritto ad un registro storico.

Utilità