Rinnovo della patente, dal 2014 viene ristampata: basta etichetta adesiva da attaccare!

Stampa
Categoria principale: Burocrazia Categoria: Patente
Creato 17 Dicembre 2013 Ultima modifica il 15 Settembre 2014
primi sui motori con e-max

Dal 2014 basta con l'etichetta adesiva da attaccare sulla patente quando si effettua il rinnovo.

Da gennaio 2014, al rinnovo, verrà stampata una nuova patente, con una foto aggiornata, e la patente stessa verrà spedita a casa.

Il decreto del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti che prevede le nuove procedure di rilascio del duplicato della patente entrerà in vigore il 9 gennaio e sono previsti 20 giorni di tolleranza per permettere alle strutture di aggiornarsi.

La conferma di validità del nuovo documento di guida verrà effettuata in maniera telematica, quindi la patente rinnovata e con una foto aggiornata del titolare, sarà inviata all'indirizzo di residenza.

I medici potranno accedere al sistema informatico del Dipartimento per i Trasporti attraverso il sito web della Motorizzazione "Il Portale dell'Automobilista".

Attraverso la procedura telematica il medico può indicare eventuali prescrizioni mediche riguardanti il conducente o gli adattamenti al veicolo. Il medico inserirà anche gli estremi del pagamento e foto e firma del titolare.

A questo punto il sistema informatico rilascerà la ricevuta che attesta l'avvenuta conferma di validità che, firmata dal medico verrà consegnata al richiedente.

La ricevuta vale fino all'arrivo della nuova patente, secondo il ministero entro una settimana, e, in ogni caso, non più di 60 giorni.

Quanto costa il rinnovo della patente.

Il costo della procedura di rinnovo patente è rimasto invariato, 25 euro (16 euro per la marca da bollo e 9 euro dei diritti di motorizzazione).

I pagamenti vanno effettuati con il bollettino postale dedicato, e la ricevura deve essere consegnata al medico insieme alla fotografia in formato cartaceo.

A questi costi vanno aggiunti quello della visita medica e i 6,80 euro di posta assicurata, da saldare in contrassegno o al ritiro presso l'ufficio postale.

 

Esito negativo della conferma di validità della patente di guida per via telematica.

Se vi è discordanza tra i dati presenti nell’anagrafe nazionale degli abilitati alla guida e quelli riportati sulla patente da rinnovare, il sanitario certificatore, in caso di esito positivo della visita, redige la comunicazione su supporto cartaceo non in bollo (senza indicare l’indirizzo del destinatario necessario per il recapito in quanto la pratica di rinnovo sarà trattata direttamente dall’ufficio della motorizzazione civile dove è stata effettuata la visita medica) sulla quale è apposta la fotografia che si autentica è la firma del titolare della patente di guida.

La conferma di, validità della patente deve, quindi, essere richiesta dal titolare, all’Ufficio Motorizzazione civile.

L’istanza di rinnovo patente deve essere corredata dalla stampa della "schermata" generata dal sistema informatico da cui risulta l’impossibilità di procedere al rinnovo di validità della patente secondo la procedura prevista.

Tale certificazione è utilizzata per presentare domanda di emissione di duplicato a titolo di conferma di validità della patente all’ufficio della motorizzazione civile, allegando le attestazioni di versamento.

Problematiche per mancato ritiro o consegna del duplicato della patente.

  • Impossibilità di recapito
    Le patenti che, dopo il primo tentativo di recapito risultino impossibili da recapitare per le seguenti motivazioni: rifiuto, indirizzo inesatto, indirizzo insufficiente, indirizzo inesistente, destinatario irreperibile, destinatario deceduto, destinatario sconosciuto, destinatario trasferito, NON saranno più spedite all'UMC di competenza ma verranno restituite all'Ufficio Centrale Operativo e successivamente annullate nel Sistema SIMOT e distrutte. Contestualmente verrà aggiornato il Sistema Integrato di Monitoraggio (SIM).
  • Mancato ritiro presso l'Ufficio Postale
    Le patenti che, al 60° giorno dalla data del secondo tentativo di recapito non saranno ritirate presso l'Ufficio Postale, dal titolare o da un suo delegato, NON verranno più trasferite agli UMC di competenza ma verranno restituite all'Ufficio Centrale Operativo e successivamente annullate nel Sistema SIMOT e distrutte. Contestualmente verrà aggiornato il Sistema Integrato di Monitoraggio (SIM).

A partire dal 9.1.2014 le patenti che si trovano in giacenza presso gli Uffici della Motorizzazione (perchè sono trascorsi i 60 giorni dal 2° tentativo di recapito da parte del Consorzio PatentiviaPoste S.C.P.A.), non ancora rilasciate al titolare o ad un suo delegato, verranno ritirate dagli addetti di detto Consorzio e restituite all'Ufficio Centrale Operativo. Successivamente dette patenti verranno annullate nel Sistema SIMOT e distrutte. Contestualmente verrà aggiornato il Sistema Integrato di Monitoraggio (SIM).

Problematiche per duplicati patente non conformi.

  • Duplicati patenti per smarrimento, furto o distruzione.
    Nei casi in cui il duplicato della patente di guida ricevuto dall'utente, risulti riportare dati non corretti o di scarsa qualità, potrà essere richiesto dal titolare della patente un duplicato presso un qualsiasi Ufficio della Motorizzazione Civile, senza ulteriori oneri a suo carico.
  • Patenti di guida emesse a seguito di conferma di validità.
    Qualora le patenti di guida che verranno emesse a seguito di conferma di validità, risultino riportare dati non corretti o di scarsa qualità, potrà essere richiesto, dai rispettivi titolari, un duplicato presso un qualsiasi Ufficio della Motorizzazione Civile, senza ulteriori oneri a carico dell'utente.

 

 

Potrebbe slittare la consegna della patente a casa in sede di rinnovo.

Nonostante la notevole pubblicizazione, la consegna della patente a casa alla scadenza potrebbe slittare a causa dei rilievi proposti dalle regioni.

La nuova procedura, infatti, appesentirebbe l'operato del medico gravato dell'obbligo, prima di rilasciare la certificazione provvisoria di avvenuto rinnovo, di inserire nel sistema informatico anche i codici a barre dei bollettini di pagamento.

Mancanza di attrezzature informatiche adeguate a livello locale ed aumento della burocratizzazione delle procedure secondo le Regioni sono un impedimento alla realizzazione immediata della riforma.

Le Regioni hanno quindi richiesto per l'avvio della procedura di invio automatico a casa della patente in sededi rinnovo, uno slittamento di almeno un anno, tempo necessario per adeguare le strutture ed i processi attribuiti ai medici.

 

primi sui motori con e-max

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna