Mascherina chirurgica

Coronavirus Covid-19, scegliere ed indossare correttamente la mascherina chirurgica.

Se ne parla da tempo e sono, purtroppo, l'oggetto del desiderio di tutti noi: le mascherine protettive contro il terribile Coronavirus Covid-19.

Anche se in un primo tempo tanti 'esperti' sbandieravano la poca utilità della mascherina per proteggersi dal virus, è evidente che invece rappresentano un presidio minimo da utilizzare rispettando inoltre sempre le indicazioni date dalle autorità, in particolar modo rispettare la distanza interpersonale ed il divieto di uscita (finchè previsto).

Ricordarsi di indossare le mascherine anche in auto quando è presente un passeggero o quando si suppone che l'areazione o il filtro antipolvere del condizionatore sia inquinato.

Normalmente le mascherine chirurgiche sono realizzate in tessuto non tessuto per coprire naso e bocca e vengono fermate dietro alla nuca da lacci o molto più spesso da elastici.

Come indossare correttamente la mascherina chirurgica

Pur nell'apparente semplicità, occorre porre attenzione a come si indossa la mascherina chirurgica per un'ottimale difesa dal virus covid, affinchè fornisca una discreta efficacia nel limitare le probabilità di contagio (a patto che sia calzata perfettamente e si respiri attraverso di essa e non da eventuali 'slarghi' sulle guancie).

  1. Quasi sempre le mascherine chirurgiche hanno una parte colorata esterna (azzurra o arancione) e la parte interna bianca. Ovviamente la parte colorata dovrà essere rivolta verso l'esterno.
  2. Sul bordo superiore è presente una piccola barretta metallica modellabile: deve essere posizionata sul naso, e modellata per favorire l'aderenza e limitare il passaggio di aria. Questo punto è molto importante perchè si vedono moltissime mascherine che coprono solo la bocca, rendendone pressochè inutile l'uso.
  3. Cercare di indossare la mascherina dopo aver provveduto a lavare (meglio disinfettare) le mani ed, in ogni caso evitando di toccare la parte che andrà a contatto con la bocca così da evitare il migrare di virus, batteri o altri agenti patogeni dalle mani alla mascherina.
  4. La mascherina dovrebbe essere monouso ma, vista la difficoltà di reperirla, tanti la riutilizzano. In questo caso (non raccomandabile) è ancora più importante evitare che venga in contatto con possibili agenti inquinanti o sporchi e riporla possibilmente in un sacchetto di plastica che sia sicuramente pulito.

L' Istituto Superiore di Sanità avverte: "Le mascherine rappresentano una misura complementare per il contenimento della trasmissione del virus e non possono in alcun modo sostituire il distanziamento fisico, l'igiene delle mani e l'attenzione scrupolosa nel non toccare il viso, il naso, gli occhi e la bocca".

La raccomandazione principale è però sempre quella di restare a casa quando prescritto per la tutela propria, dei propri familiari e dell'umanità tutta.

Le FAQ dell'Istituto Superiore di Sanita sul corretto utilizzo delle mascherine

I bambini devono usare la mascherina?
Dai sei anni in su anche i bambini devono portare la mascherina evitando di usare mascherine troppo grandi e scomode per il loro piccolo viso.

Che differenza c'è tra le cosiddette mascherine di comunità e le mascherine chirurgiche?
- Le mascherine di comunità non sono soggette a particolari certificazioni ed hanno lo scopo di ridurre la circolazione del virus nella vita quotidiana. Non sono né dei dispositivi medici, né dispositivi di protezione individuale, ma una misura igienica utile a ridurre la diffusione del Coronavirus.
- Le mascherine chirurgiche sono le mascherine a uso medico, idonee per essere utilizzate in ambiente sanitario. Sono certificate in base alla loro capacità di filtraggio e rispettano le caratteristiche previste dalla norma UNI EN ISO 14683-2019 : funzionano impedendo la trasmissione del virus.

Quali caratteristiche devono avere le mascherine di comunità?
Devono essere realizzate in multistrato (non tossici o allergizzanti o infiammabili) devono garantire una adeguata barriera per naso e bocca senza rendere difficoltosa la respirazione pur aderendo al viso e coprendo dal mento al naso.

Le mascherine di comunità si possono lavare?
Si', ma solo se fatte con materiali che resistono al lavaggio a 60 gradi. Le mascherine di comunità commerciali sono lavabili se sulla confezione si riportano indicazioni che possono includere anche il numero di lavaggi consentito senza che questo diminuisca le loro caratteristiche.

Quali mascherine devo usare se compaiono sintomi di infezione respiratoria?
In caso di sintomi di infezione respiratoria è necessario utilizzare solo le mascherine certificate come dispositivi medici.

Come vanno smaltite le mascherine?
Le mascherine monouso vanno smaltite nei rifiuti indifferenziati, se invece è stata usata una mascherina riutilizzabile, inserirla in un ulteriore sacchetto prima di conferirlo nella indifferenziata.

Articoli collegati: