Per offrirti una migliore esperienza digitale su questo sito, Autoinformazioni utilizza cookie di sessione e di terze parti. La prosecuzione della navigazione mediante consenso (pressione su OK) o scroll di pagina comporta l'accettazione all'uso dei cookie. Procedendo con la navigazione, dunque, autorizzi la scrittura di tali cookie sul tuo dispositivo. Per maggior informazioni è a tua disposizione l’informativa vai su Approfondisci.

Monferraglia, parte la "Uain Ediscion" 2013

Sono aperte le iscrizioni alla "Monferraglia Uain Ediscion" del 22/09/13 ed il nome la dice lunga: "Tutto quanto fa vendemmia".

La manifestazione dedicata alla vendemmia si terrà a Cerrina Valle il 22 settembre 2013, nella stessa località dove nel 2012 si era già tenuta la UINTER.

Il percorso ricalcherà quello della celebre UINTER ma all'incontrario.

I moduli per l'iscrizione sono disponibili sul sito, ma ci si può anche iscrivere direttamente alla Monferraglia NAIT del 27 luglio a Villar Perosa. I partecipanti sono invitati a partecipare con il consueto baffo ed un abbigliamento contadino.

Misure per la limitazione del traffico veicolare in Lombardia dal 15 Ottobre 2014.

Misure di incentivazione e di limitazione per migliorare la qualità dell'aria

Come ogni anno, dal 15 ottobre 2014 sono in vigore in Lombardia i provvedimenti che limitano la circolazione di alcuni veicoli particolarmente inquinanti. Le dimitazioni del traffico sono finalizzate alla riduzione delle emissioni inquinanti in atmosfera ed al conseguente miglioramento della qualità dell'aria.

Per accompagnare le nuove limitazioni della circolazione di veicoli che verranno introdotte nel 2015 e 2016 (estensioni delle limitazioni vigenti ad ulteriori zone del territorio regionale  e limitazione della circolazione dei veicoli euro 3 diesel) dal 1° gennaio 2014 è in vigore l'esenzione triennale dal pagamento della tassa automobilistica regionale per particolari veicoli acquistati nell’anno 2014.

Le misure per la limitazione del traffico veicolare in Lombardia

Le limitazioni alla circolazione si applicano sulla base della nuova zonizzazione di cui alla d.g.r. 2605 del 30 novembre 2011 con le seguenti modalità.
Per la ZONA ex-A1, ossia la porzione di territorio regionale corrispondente agli agglomerati di Milano, Brescia e Bergamo, con l'aggiunta dei capoluoghi di provincia della bassa pianura (Pavia, Lodi, Cremona e Mantova) e relativi Comuni di cintura appartenenti alla zona A fermo della circolazione dal 15 ottobre 2014 al 15 aprile 2015, dal lunedì al venerdì, dalle 7.30 alle 19.30 per i seguenti veicoli:

  • autoveicoli ad accensione comandata (benzina) non omologati ai sensi della direttiva 91/441/CEE e successive (veicoli detti “Euro 0 benzina”);
  • autoveicoli ad accensione spontanea (diesel) omologati ai sensi della direttiva 91/542/CEE, o 96/1/CEE, riga B, oppure omologati ai sensi delle direttive da 94/12/CEE a 96/69/CE ovvero 98/77/CE (veicoli detti “Euro 0, Euro 1, Euro 2 diesel”).


E' altresì vigente il fermo permanente della circolazione per; i motoveicoli e i ciclomotori a due tempi di classe Euro 0, in tutte le zone del territorio regionale (A1, A2, B, C1 e C2), da lunedì a domenica, dalle 00,00 alle 24,00; gli autobus M3 adibiti al Trasporto Pubblico Locale (TPL) di classe Euro 0, Euro 1 ed Euro 2 diesel privi di filtro antiparticolato efficace, da lunedì alla domenica dalle 00.00 alle 24.00 su tutto il territorio regionale.

Oltre alle limitazioni per i veicoli, rimangono in vigore, le seguenti ulteriori disposizioni:

  • dal 15 ottobre al 15 aprile divieto di utilizzo di apparecchi obsoleti utilizzati per il riscaldamento domestico alimentati a biomassa legnosa (camini e stufe con rendimento < 63%), nelle zone A1 e nei comuni sotto i 300 m slm;  
  • divieto permanente di utilizzare olio combustibile per gli impianti di riscaldamento civile aventi una potenza installata inferiore a 10 MW in tutta la Regione Lombardia;   divieto di combustione all’aperto dal 15 ottobre al 15 aprile in tutta la Regione Lombardia;     divieto di climatizzare locali a servizio dell’abitazione in edifici destinati a residenza (box, cantine, depositi, scale) in tutta la Regione Lombardia.

Quali sono i veicoli esclusi dal fermo della circolazione in Lombardia.

  1. veicoli elettrici leggeri da città, veicoli ibridi e multimodali, micro veicoli elettrici ed elettroveicoli ultraleggeri;
  2. veicoli muniti di impianto, anche non esclusivo, alimentato a gas naturale o gpl, per dotazione di fabbrica o per successiva installazione;
  3. veicoli alimentati a diesel (gasolio), dotati di efficaci sistemi di abbattimento delle polveri sottili (filtri FAP) sia per dotazione di fabbrica, sia per successiva installazione. (N.B. Per "efficace sistema di abbattimento delle polveri sottili" si intende un sistema FAP in grado di garantire un valore di emissione del particolato pari o inferiore al limite fissato per gli Euro 3);
  4. veicoli storici, purché in possesso dell’attestato di storicità o del certificato di identità/omologazione, rilasciato a seguito di iscrizione negli appositi registri storici;
  5. veicoli classificati come macchine agricole di cui all’art. 57 del Decreto legislativo 285/1992;
  6. motoveicoli e ciclomotori dotati di motore a quattro tempi anche se omologati precedentemente alla direttiva n. 97/24/CEE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 17 giugno 1997, relativa a taluni elementi o caratteristiche dei veicoli a motore a due o tre ruote, cosiddetti euro 0 o pre-Euro 1. I motocicli e ciclomotori a due tempi Euro 0 non possono circolare (allegato 1 alla D.G.R 9958/09), mentre le restanti tipologie di ciclomotori e motocicli a due tempi possono circolare;
  7. veicoli con particolari caratteristiche costruttive o di utilizzo a servizio di finalità di tipo pubblico o sociale, di seguito specificati:
    • veicoli, motoveicoli e ciclomotori della Polizia di Stato,
    • della Polizia penitenziaria,
    • della Guardia di Finanza,
    • delle Forze Armate,
    • del corpo nazionale dei Vigili del Fuoco,
    • della Croce rossa italiana,
    • dei corpi e servizi di Polizia municipale e provinciale,
    • della Protezione Civile e del Corpo Forestale;   
    • veicoli di pronto soccorso sanitario;
    • scuola bus e mezzi di trasporto pubblico locale (TPL) – fatto salvo quanto già disciplinato per i veicoli di categoria M3 con DGR n. 4924 del 15/06/2007 e n. 6418 del 27/12/2007;
    • veicoli muniti del contrassegno per il trasporto di portatori di handicap ed esclusivamente utilizzati negli spostamenti del portatore di handicap stesso;
    • autovetture targate CD e CC.

Le deroghe al fermo della circolazione in Lombardia.

Sono altresì esclusi dal fermo della circolazione i seguenti veicoli:

  • veicoli appartenenti a soggetti pubblici e privati che svolgono funzioni di pubblico servizio o di pubblica utilità, individuabili o con adeguato contrassegno o con certificazione del datore di lavoro, che svolgono servizi manutentivi di emergenza;   
  • veicoli dei commercianti ambulanti dei mercati settimanali scoperti, limitatamente al percorso strettamente necessario per raggiungere il luogo di lavoro dal proprio domicilio e viceversa;
  • veicoli degli operatori dei mercati all’ingrosso (ortofrutticoli, ittici, floricoli e delle carni), limitatamente al percorso strettamente necessario per raggiungere il proprio domicilio al termine dell’attività lavorativa;   
  • veicoli adibiti al servizio postale universale o in possesso di licenza/autorizzazione ministeriale di cui alla direttiva 97/67/CE come modificata dalla direttiva 2002/39/CE;   
  • veicoli blindati destinati al trasporto valori, disciplinati dal decreto del Ministero dei Trasporti n. 332 del 3 febbraio 1998;   
  • veicoli di medici e veterinari in visita urgente, muniti del contrassegno dei rispettivi ordini, operatori sanitari ed assistenziali in servizio con certificazione del datore di lavoro;   
  • veicoli utilizzati per il trasporto di persone sottoposte a terapie indispensabili ed indifferibili per la cura di gravi malattie in grado di esibire relativa certificazione medica;   
  • veicoli utilizzati dai lavoratori con turni lavorativi tali da impedire la fruizione dei mezzi di trasporto pubblico, certificati dal datore di lavoro;   
  • veicoli dei sacerdoti e dei ministri del culto di qualsiasi confessione per le funzioni del proprio ministero;   
  • veicoli con a bordo almeno tre persone (car pooling);   
  • veicoli delle autoscuole utilizzati per le esercitazioni di guida e per lo svolgimento degli esami per il conseguimento del le patenti C, CE, D, DE ai sensi dell’art. 116 del Decreto legislativo 285/1992;   
  • veicoli dei donatori di sangue muniti di appuntamento certificato per la donazione.

I Comuni non possono più concedere deroghe speciali e personali al di fuori di quelle previste dal provvedimento regionale.

Su quali strade si applica il fermo della circolazione in Lombardia.

Il fermo dei veicoli inquinanti in Lombardia si applica su tutti i tratti stradali ricadenti all'interno delle Zone indicate, comprese le strade provinciali e statali ad esclusione delle:

  • autostrade;   
  • strade di interesse regionale R1;   
  • tratti di collegamento tra le autostrade e le strade R1 e gli svincoli delle stesse e i tratti di collegamento ai parcheggi posti in corrispondenza delle stazioni periferiche dei mezzi pubblici o delle stazioni ferroviarie.

I controlli sul rispetto delle limitazioni alla circolazione dei veicoli sono effettuati dai soggetti che svolgono servizi di polizia stradale.

Spegnimento motori per riduzione dell'inquinamento dell'aria.

Si applicano inoltre su tutto il territorio regionale per il periodo dal 15 ottobre al 15 aprile di ogni anno l'obbligo di:  spegnimento dei motori degli autobus nella fase di stazionamento ai capolinea;    spegnimento dei motori dei veicoli merci durante le fasi di carico/scarico.

Scarica il testo dei provvedimenti di limitazione e blocco del traffico in Lombardia.

I seguenti allegati con il testo del provvedimenti, lo stradario e le mappe che indicano i tratti stradali esclusi dal fermo sono consultabili sul sito della Regione Lombardia.

DGR 9958_2009 DGR 9958_2009
dgr_7635_2008 dgr_7635_2008 (628 KB)
BURL classificazione funzionale strade. BURL classificazione funzionale strade. (536 KB)
decr 11254 del 13_10_08 decr 11254 del 13_10_08 (57 KB)
decr 11447del 15_10_2008 decr 11447del 15_10_2008 (39 KB)
dgr 2605_11 Zonizzazione del territorio regionale dgr 2605_11 Zonizzazione del territorio regionale (140 KB)
Allegato alla dgr 2605_11 Zonizzazione del territorio regionale Allegato alla dgr 2605_11 Zonizzazione del territorio regionale (971 KB)
mappa ambito di applicazione mappa ambito di applicazione (146 KB)
Elenco dei comuni della Lombardia interessati dal provvedimento di limitazione alla circolazione degli autoveicoli "Euro 0 benzina" e "Euro 0, Euro 1, Euro 2 diesel" Elenco dei comuni della Lombardia interessati dal provvedimento di limitazione alla circolazione degli autoveicoli "Euro 0 benzina" e "Euro 0, Euro 1, Euro 2 diesel" (52 KB)
Mappa deroghe comune Como Mappa deroghe comune Como (6.6 MB)
mappa deroghe comune Cremona mappa deroghe comune Cremona (248 KB)
mappa deroghe comune Cura Carpignano mappa deroghe comune Cura Carpignano (157 KB)
mappa deroghe comune Dovera mappa deroghe comune Dovera (133 KB)
mappa deroghe comune Mantova mappa deroghe comune Mantova (777 KB)
mappa deroghe comune Milano mappa deroghe comune Milano (4.4 MB)
mappa deroghe comune Valle Salimbene mappa deroghe comune Valle Salimbene (205 KB)
mappa deroghe provincia Brescia mappa deroghe provincia Brescia (775 KB)
mappa deroghe provincia Como mappa deroghe provincia Como (4.6 MB)
mappa deroghe provincia Cremona mappa deroghe provincia Cremona (422 KB)
mappa deroghe provincia Lodi mappa deroghe provincia Lodi (2.2 MB)
mappa deroghe provincia Mantova mappa deroghe provincia Mantova (184 KB)
mappa deroghe provincia Mantova con parcheggi mappa deroghe provincia Mantova con parcheggi (140 KB)
mappa deroghe provincia Milano mappa deroghe provincia Milano (4.6 MB)
mappa deroghe provincia Pavia mappa deroghe provincia Pavia (255 KB)
mappa deroghe provincia Pavia zona Est mappa deroghe provincia Pavia zona Est (238 KB)
mappa deroghe provincia Pavia zona Nord mappa deroghe provincia Pavia zona Nord (242 KB)
mappa deroghe provincia Pavia zona Sud Ovest mappa deroghe provincia Pavia zona Sud Ovest (251 KB)
mappa deroghe provincia Varese mappa deroghe provincia Varese (4.4 MB)
stradario stradario (184 KB)
stradario prov Como stradario prov Como (60 KB)

Fonte www.regione.lombardia.it

“Aci Social Club”, l'ACI sbarca su Facebook.

ACI sbarca su FacebookL' ACI sbarca su Facebook con “Aci Social Club

L'obiettivo è di diventare la prima web community italiana dedicata ai temi della mobilità.

Aci Social Club si affianca, al sito ACI  rivolgendosi, con contenuti linguaggi e tempi propri di un “social media”, in particol modo ai giovani ed a chi non conosce, o conosce male, il mondo ACI.

L'Automobile Club d'Italia (ACI) si occupa di mobilità a quattro e due ruote (sia moto che bici) ed anche a piedi.

L'ACI è inoltre molto attiva nel campo della sicurezza tramite i corsi di guida sicura ed i corsi "TrasportACI sicuri" tenuti, gratuitamente, presso gli ospedati nell'ambito dei corsi pre-partoi.

Incidente causato da macchia d'olio sull'asfalto: chi rimborsa?

La casistica degli incidenti stradali in città è, purtroppo, ben rappresentata da quelli avvenuti a causa di buche o di sostanze oleose che fanno diminuire l'aderenza dei veicolo con conseguenze facilmente immaginabili.

Mentre per le buche è assodata la responsabilità del gestore della strada, per le macchie d'olio sull'asfalto la Corte di Cassazione, con la sentenza 295/15 del 13/gen/2015, ha stabilito che, sulla strada statale, l'Anas debba risarcire il danno, perché la presenza del liquido viscido è considerata come insidia non visibile e non prevedibile da parte dell'automobilista.

L'Anas ha infatti il compito della custodia e manutenzione della strada, per questo motivo deve controllarne le condizioni e garantire la sicurezza per gli automobilisti evitando l'insorgere di situazioni di pericolo.

Poichè viene previsto l'obbligo della tempestiva rimozione, l'Anas potrà evitare il risarcimento solo dimostrando che la perdita del liquido oleoso sull'asfalto è avvenuta pochissimo tempo prima del sinistro e, pertanto, pur attivandosi immediatamente, non avrebbe mai potuto intervenire per tempo.

VAI ANAS Plus, traffico in tempo reale, gratis per Android ed IOS.

VAI ANAS Plus è l'app gratis per Android ed IOS che non può mancare sul vostro cellulare o smartphone ad integrazione del navigatore satellitare.

L'App VAI ANAS fornisce, in tempo reale, informazioni certificate sul traffico autostradale e delle strade gestite da Anas.

L'applicazione visualizza sulla mappa i rallentamenti, le code e le limitazioni alla circolazione su tutta la rete viaria di competenza Anas e in gestione alle società concessionarie.

L'App VAI ANAS Plus, se abilitata, individua la posizione dell'utente e quindi posiziona la mappa centralmente rispetto alla posizione dell'utente stesso.

Vai Anas Plus aggiorna su telecamere, lavori, ordinanze, velocità, incidenti presenti sul percorso. A fine percorrenza VAI ANAS fornisce una tabella delle velocità medie sostenute nel tratto di strada selezionato.

Tutte le informazioni sul traffico sono gratuite a molte sono certificate in tempo reale.

Come funziona VAI Anas Plus.

L'app può essere usata in più modalità:

  • Mappa, informativa, consente di visualizzare i lavori in corso, le telecamere, le ordinanze sul traffico, le velocità medie sul percorso;
  • Traffico, visualizza il traffico in 8 grandi città, utile per evitare le strade intasate o bloccate scegliendo strade alternative per i propri spostamenti;
  • Previsioni meteo, per visualizzare le previsioni metereologiche per le principali città italiane.

 Scarica gratis VAI ANAS per Android ed IOS -> http://www.stradeanas.it/vaiapp

Spending review del Governo Monti, cosa cambia per Giudice di Pace ed Isvap.

La spending review del Governo Monti interessa anche l' auto.

Oltre alla riduzione del parco macchine ministeriali, ci sono, nella spending review del Governo Monti, almeno altri due temi che interessano gli automobilisti, se il Parlamento convertirà il Decreto in Legge:

Il Giudice di Pace.

La revisione delle circoscrizioni giudiziarie coinvolge nella sua riduzione, anche i giudici di pace.

La spending review del Governo Monti prevede infatti la soppressione di 969 uffici giudiziari: 37 Tribunali, 38 Procure, 220 sezioni distaccate e, anche, 674 sedi del Giudice di pace.

Il giudice di pace è l'organo al quale il cittadino automobilista può rivolgersi per ricorsi contro multe e verbali e contenziosi in materia automobilistica.

Il minor numero di cancellerie produrrà come effetto disagi per il deposito della citazione o ricorso in un'altra località lontana dalla propria residenza e, sicuramente, l'allungamento dei tempi d'attesa della sentenza.

Soppressione dell' ISVAP.

L'Ente vigilante sulle Assicurazioni in materia di Rc auto, l' ISVAP, viene soppresso.

Nasce un nuovo ente l' IVARP, derivante dall'accorpamento di ISVAP e COVIP (la Commissione di vigilanza sui fondi pensione, anc'essa soppressa) che costituirà l'istituto per la vigilanza sulle assicurazioni e sul risparmio previdenziale.

Il nuovo ente lavorerà in sinergia con la Banca d’Italia, per assicurare l'integrazione dell’attività di vigilanza nei settori finanziario, assicurativo e del risparmio previdenziale, attraverso il collegamento con la vigilanza bancaria.

 

Telepass, sconti fino al 20% sul pedaggio autostradale per i viaggi dei pendolari.

Dal 25 febbraio 2014 tutti i possessori di Telepass con contratto family, business e ricaricabili abbinati a persone fisiche ed a veicoli di classe A, che utilizzino l’autostrada come pendolari tra due stazioni predefinite e con percorso massimo di 50 chilometri per almeno 21 volte al mese avranno diritto ad uno sconto sulle tariffe sui pedaggi autostradali.

I possessori del Telepass potranno godere di uno sconto progressivo sino al 20% sul tragitto che quotidianamente percorrono per andare al lavoro secondo queste modalità legate al numero dei transiti autostradali effettuati:

  • Sino a 20 transiti mensili non viene applicato nessuno sconto;
  • a partire dal 21° transito lo sconto, per tutti i 21 viaggi effettuati, sarà dell’1%;
  • per 22 transiti effettuati lo sconto, per tutti i 22 viaggi effettuati, sarà del 2%;
  • per 23 transiti effettuati lo sconto, per tutti i 23 viaggi effettuati, sarà del 3%;
  • dopo il 40° transito lo sconto sul pedaggio complessivo sarà del 20%;
  • dai 41 viaggi e sino al 46 viaggio (calcolando quindi che i giorni lavorativi in un mese sono al massimo 23) lo sconto sarà del 20%;
  • per i transiti successivi al 46 viaggio si paga la tariffa intera.

Lo sconto è applicato per un massimo di due viaggi al giorno, compresi i festivi, e non è cumulabile con altre agevolazioni/iniziative di modulazione tariffaria. Le agevolazioni per i possessori del Telepass saranno valide sulla rete autostradale e dureranno fino al 31 dicembre 2015.

Per usufruire dello sconto sulle tariffe autostradali, i possessori di Telepass devono effettuare la registrazione sul sito www.telepass.it o sui siti delle concessionarie autostradali, definendo il percorso che si utilizza abitualmente ed indicando sia il casello di entrata che quello di uscita.

Per chi si registra entro fine mese lo sconto sulle tariffe autostradali è retroattivo dal primo febbraio 2014.

Tu sei qui:

.... Basta un attimo ... per cambiare la tua vita e quella di chi ti vuole bene.
Sii prudente sempre ... Basta un attimo ... pensaci prima.
AutoInformazione.org è vicina alle vittime della strada ed ai loro familiari.