Nuova Vespa Primavera Piaggio, ritorna nelle cilindrate 50, 125 e 150.

vespa primavera 1968A 45 anni di distanza, ritorna la riedizione della mitica Vespa Primavera Piaggio.

Nel 1968 la Vespa Primavera 125 formò una classe di scooteristi giovani ed esuberanti diciotenni, affascinati dalla manegevolezza e dalle prestazioni brucianti della piccola Piaggio.

Contenuta nelle dimensioni (quelle della Vespa 50) e con un motore scattante e parsimonioso, era l'oggetto del desiderio di ragazzi e ragazze degli anni settanta ed ha mantenuto il suo fascino anche fino ai nostri tempi, è infatti da sempre molto cercata sul mercato dell'usato.

vespa primavera nuovaMa ecco che, in occasione dell' EICMA 2013, il gruppo Piaggio tira fuori dal cilindro una magnifica e tecnologica riedizione della mitica Vespa Primavera.

La Nuova Vespa Primavera Piaggio ha subito ovviamente una rivisitazione grafica che la pone al passo con i tempi e che, in alcuni casi, ricordano la Vespa 946.

Quello che invece si fa notare è il nuovo telaio in acciaio, più rigido a parità di peso, e la nuova serie di motorizzazioni proposte:

  • 50 2T;
  • 50 4T;
  • 125 3Valvole; 
  • 150 3Valvole.

I moderni motori a tre valvole fanno parte della nuova famiglia di motori prodotti dal Gruppo Piaggio a Pontedera.

Si tratta di moderni motori a quattro tempi ad iniezione che dovrebbero permettere alla Nuova Vespa Primavera di percorrere oltre 60 chilometri con un litro di benzina e con un basso impatto ambientale.

Snellimento del traffico, riduzione delle emissioni, bassi consumi sono argomentazioni che piacciono ad un pubblico attento ad un trasporto snello e compatibile con l'ambiente e che faranno della Nuova Vespa Primavera un autentico successo.

Articoli collegati: