Per offrirti una migliore esperienza digitale su questo sito, Autoinformazioni utilizza cookie di sessione e di terze parti. La prosecuzione della navigazione mediante consenso (pressione su OK) o scroll di pagina comporta l'accettazione all'uso dei cookie. Procedendo con la navigazione, dunque, autorizzi la scrittura di tali cookie sul tuo dispositivo. Per maggior informazioni è a tua disposizione l’informativa vai su Approfondisci.

Pneumatici ricostruiti: sono sicuri ed affidabili? Conviene usarli?

Il ciclo di vita di uno pneumatico

Il ciclo di vita di uno pneumatico nuovo non si conclude quando lo cambiamo perchè il battistrada si è usurato.

Invece di venir buttati via per essere inceneriti o riciclati, gli pneumatici vengono ricostruiti.

In che modo? Il vecchio battistrada viene prima controllato e selezionato. Quelli che superano il controllo di qualità vengono avviati al processo di ricostruzione vulcanica.

Lo pneumatico viene quindi raspato e sulla carcassa viene applicato un nuovo battistrada.

Con la ricostruzione della gomma si conserva circa l’80% della ruota originale.

Sugli pneumatici per auto la ricostruzione è possibile una sola volta mentre per i mezzi pesanti la lavorazione può essere effettuata fino a tre volte.

Pneumatici invernali, i test sull'efficacia delle gomme termiche

Pneumatici invernali, i test sull'efficacia delle gomme termiche.

Anche quest'anno molto probabilmente scatteranno gli obblighi per gli pneumatici invernali e catene, una limitazione inevitabile per aumentare la sicurezza sulle strade e diminuire il rischio di incidenti stradali.

Nel precedente articolo abbiamo analizzato le differenze tra gomme termiche e pneumatici invernali, vediamo ora i test sull'efficacia dell'uso delle gomme termiche durante la brutta stagione.

Per dimostrarlo Assogomma e Federpneus hanno messo alla prova su strada e in pista a Cervinia diverse tipologie di vetture (utilitarie, SUV, auto sportive e persino ambulanze) gommate con pneumatici estivi, invernali e con catene per testarne le qualità in frenata, aderenza, comfort e precisione di guida nelle condizioni tipiche dell'inverno.

Il casco DGM, detto a padella o scodella, omologazione ed uso.

Anche se non più utilizzabile su ciclomotori e motocicli dal 12 ottobre 2010, il casco DGM, detto anche a padella o scodella, continua ad avere purtroppo ancora molte simpatie tra i motociclisti più giovani e sopratutto è ancora in vendita.

Il casco è un elemento fondamentale per la sicurezza di chi viaggia su due ruote e dimostra la sua efficacia nel momento di una caduta.

Ovvio quindi che prima ancora di essere leggero, alla moda, funzionale, il casco deve offrire tutte le garanzie di sicurezza possibili. Queste categorie di sicurezza di definiscono nell'omologazione che il casco deve ottenere per poter essere messo in vendita.

Il casco a scodella da moto con l'omologazione D.G.M. è fuori legge dal 12 ottobre 2010.

Per chi lo indossa sono previste sanzioni da 74 a 299 euro e fermo del veicolo e la sottrazione di 5 punti della patente. Lo sancisce l'art. 28 della legge 29 luglio 2010 n.120 in materia di Sicurezza stradale, che tra gli altri, ha riformato anche l'art. 171 del Codice della Strada.

Run Flat, tecnologia antiforatura per pneumatici: pro, contro e test.

Cosa sono gli pneumatici Run Flat

Pneumatici run flat antibucatura

Gli pneumatici autoportanti, o "Run-flat", sono pneumatici che consentono di proseguire il viaggio anche in caso di foratura.

Sostanzialmente vengono utilizzate due tecnologie:

  • pneumatici Run Flat dotati di una spalla rinforzata, in caso di foratura, permettono di percorrere ugualmente la strada, anche senza una pressione. L'auto viene sorretta dalla spalla e non più la pressione dell'aria contenuta nello pneumatico. I costruttori garantiscono una percorrenza di circa 100 km ad una velocità non superiore ad 80 km/h;
  • pneumatici Run Flat dotati di un inserto interno,  i cosiddetti "pneumatici PAX", nei quali all'interno dello pneumatico, sul cerchione, è posizionato uno spessore di gomma che, in caso di foratura, impedisce all'auto di rotolare sul cerchione danneggiandolo.

Crash-test EuroNCAP 2015: 5 stelle alla nuova Hyundai Tucson.

Sotto esame anche Mazda MX-5 e Opel Karl, entrambe promosse con 4 stelle. Decisiva la sicurezza attiva, ma amche la protezione di passeggeri e bimbi a bordo.

Massimo punteggio di 5 stelle per la nuova Hyundai Tucson e promozione con 4 stelle per la Mazda MX-5 e la Opel Karl (commercializzata nel Regno Unito come Vauxhall Viva): sono questi i risultati della più recente tornata di crash test EuroNCAP, il programma europeo per la valutazione della sicurezza delle autovetture in commercio in Europa di cui ACI è partner.

A fare la differenza, anche in questa tornata, soprattutto la disponibilità e l’efficacia dei sistemi di sicurezza attiva installati, di serie o come optional, sulle autovetture in esame. La nuova SUV coreana Tucson, sotto questo profilo, è stata premiata da EuroNCAP per la presenza - seppure come optional - di un sistema di assistenza alla guida in grado di segnalare al conducente i limiti di velocità locali, in aggiunta all’offerta di altri due importanti dispositivi optional, limitatore di velocità e avvisatore di cambio di corsia, di cui dispongono anche la Mazda MX-5 e la Opel Karl.

Tacco 12: Si può guidare con i tacchi alti?

Le scarpe buone per guidare possono anche essere sexy?

Le donne, ed in particolare quelle italiane, non rinunciano al tacco neanche quando guidano: è una questione di 'fashion'. 

Il Codice della Strada non indica alcun tipo di restrizione per le calzature da indossare alla guida quindi le donne hanno il piacere di portare a spasso in auto la propria femminilità ed eleganza sfoggiando un bel tacco del 12

Cosa prescrive il Codice della strada riguardo alle calzature da usare?

“Chi guida meglio?”, educational game di ACI su La7 dedicato alla sicurezza stradale.

L’innovazione targata ACI arriva anche in tv: l’Automobile Club d’Italia è infatti tra i protagonisti di una entusiasmante iniziativa di formazione alla sicurezza stradale, che sfrutta appieno le potenzialità e l’appeal della televisione per raggiungere il più ampio numero di italiani, in particolare i giovani.

“Chi guida meglio?” è il nuovo programma dedicato alla sicurezza stradale, patrocinato da ACI, in onda su La7 dal 17 ottobre ogni sabato alle 14:30 per 10 puntate. Il format è quello di un “educational game”, un mix di reality show e tutorial con pillole di informazione e sensibilizzazione sui temi della guida responsabile e della mobilità sicura. Il programma è presentato da Federica Bertoni, artista televisiva e teatrale con esperienza in vari programmi su emittenti nazionali e locali. La consulenza tecnica è affidata al pilota Gian Maria Gabbiani, protagonista anche di gare Nascar ed endurance. Giudice dei concorrenti di “Chi Guida Meglio?” è Federica Torti, presentatrice tv con un percorso professionale in Mediaset, Sky e GazzettaTV.

Tu sei qui:

.... Basta un attimo ... per cambiare la tua vita e quella di chi ti vuole bene.
Sii prudente sempre ... Basta un attimo ... pensaci prima.
AutoInformazione.org è vicina alle vittime della strada ed ai loro familiari.