Per offrirti una migliore esperienza digitale su questo sito, Autoinformazioni utilizza cookie di sessione e di terze parti. La prosecuzione della navigazione mediante consenso (pressione su OK) o scroll di pagina comporta l'accettazione all'uso dei cookie. Procedendo con la navigazione, dunque, autorizzi la scrittura di tali cookie sul tuo dispositivo. Per maggior informazioni è a tua disposizione l’informativa vai su Approfondisci.

Michelin analizza 20.000 incidenti stradali per rispondere alla domanda: Quando e dove avvengono gli incidenti stradali?

Ogni giorno in Italia si verificano in media 700 incidenti stradali, che provocano la morte di 20 persone ed il ferimento di quasi 1000.

La gente comune ha però una percezione errata della sicurezza stradale e dei pericoli derivanti dalla guida. C'è spesso una sottovalutazione del rischio sopratutto nella guida in città. Si ritiene purtroppo che la velocità in città, relativamente bassa, ponga al riparo da danni fisici gravi in caso di incidente.



Nell’ambito dei comportamenti scorretti di guida, c'è da segnalare il mancato rispetto delle regole di precedenza, la guida distratta e la velocità troppo elevata. Da sole costituiscono quasi il 50% dei casi.

E' inoltre da segnalare lo stato psico fisico alterato del conducente situazione che, anche se non rappresenta una percentuale elevata rispetto al totale, va segnalata per la gravità degli eventi che può produrre.

Fortunatamente la sfida tecnologica per lo sviluppo di nuovi sistemi di sicurezza automobilistica, come ad esempio le gomme auto, ci può aiutare a conoscere, e quindi diminuire il rischio della guida in auto.

La Michelin nel corso degli studi per la realizzazione del nuovo pneumatico Michelin Primacy 3, ha analizzato 20.000 incidenti stradali verificatisi in Europa nell'arco di 10 anni.

I risultati emersi sono interessanti e quasi inaspettati:

    il 70% degli incidenti avviene sulla strada asciutta;
    il 60% degli incidenti avviene nelle aree urbane e a bassa velocità
    il 75% degli incidenti avviene nei rettilinei (di cui il 20% su strada bagnata)
    il 25% degli incidenti avviene in curva: sono i più gravi (il 50% dei quali su strada bagnata)
    il 99% degli incidenti che avviene su strada bagnata si verifica in presenza di uno spessore di acqua molto basso

Il nuovo pneumatico immesso sul mercato ha tenuto conto di questi studi e dei relativi test per garantire maggior tenuta di strada nelle condizioni di guida più difficili.

Ricordiamoci che anche la persona più prudente può commettere un errore o distrarsi, in questi casi che gli pneumatici di alta qualità ed in perfetta efficienza possono fare la differenza e salvare una vita umana! 

SimTD "Safe Intelligent Mobility", una rete di comunicazione Facebook like per aumentare la sicurezza delle auto del futuro.

SimTD, "Safe Intelligent Mobility", è il consorzio di cui fanno parte le aziende automobilistiche Audi, Bmw, Daimler, Ford, Opel e Volkswagen, oltre a Bosch, Continental, Deutsche Telekom e molte istituzioni tedesche, che sta realizzando un sistema di comunicazione tra veicoli in grado di gestire le varie situazioni di traffico e scambiarle con gli utenti connessi per aumentare la sicurezza del viaggiare in auto.

Si tratta di un network di comunicazione C2X (car to x) che attualmente tiene connesse 120 automobili che si muovono sulle strade della regione tedesca del Rhine-Main.

Con questo sistema di connessione tra veicoli ci sarà la possibilità di "vedere" oltre il mezzo che ci precede in una marcia incolonnata, attivando un allarme se questa auto frena improvvisamente.

Ma il sistema potrebbe interagire anche con postazioni fisse poste lungo i bordi delle strade, per evitare incidenti determinati dall'impossibilità di vedere, ad esempio, tutti i mezzi in circolazione, compresi quelli nascosti da un bus o da un incrocio. La comunicazione tra le infrastrutture ed i veicoli potrà anche fornire in tempo reale le informazioni sugli ingorghi, sulle situazioni meteo e su altre eventuali emergenze facendole pervenire solo agli utenti interessati.

Si realizzerà quindi una nuova Facebook per auto e moto, solo che invece di foto e messaggini, circoleranno informazioni per la sicurezza.

'Blaze cycle' il salvavita per ciclisti: un raggio laser per essere visibili anche quando la bici è nell'angolo cieco degli specchietti.

'BLAZE CYCLE' il salvavita per ciclisti e motociclisti.

Il problema della sicurezza per ciclisti e motociclisti:

Rendere moto e bici visibili per gli automobilisti, anche quando le due ruote si trovano nell'angolo cieco degli specchietti dell'automobile.

La soluzione per la sicurezza per ciclisti e motociclisti:

è semplice quanto innovativa, 'Blaze cycle': una lampada che proietta sull'asfalto davanti a se, con un raggio laser, un pittogramma verde tipico del ciclista, in modo ben visibile dall'automobile affiancata, situazione comune nella svolta a sinistra.

Il merito dell'invenzione del 'Blaze cycle' va ad una giovane designer inglese, Emily Brooke, la lampada è facilmente reperibile su internet.

La sicurezza stradale non è una questione di razza o di colore della pelle: corsi gratuiti ACI per automobilisti stranieri.

I valori dell’ accoglienza e dell’ integrazione sono i cardini dell'iniziativa dell'ACI, patrocinata dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, dal Ministero degli Affari esteri, dal Ministero della Cooperazione internazionale e integrazione e dal Ministero degli Affari regionali, turismo e sport e che prevede l'offerta di 1.000 corsi gratuiti di guida sicura all’anno per tre anni agli stranieri che guidano nel nostro Paese.

L'obiettivo è di diffondere il valore del rispetto del Codice delle Strada, presso le famiglie e le comunità nazionali estere.

3.000 automobilisti stranieri “AMBASCIATORI DI SICUREZZA STRADALE”

Perchè l'ACI promuove 1.000 corsi gratuiti di guida sicura agli stranieri che guidano nel nostro Paese ?

Il rischio di guida è sempre alto, ma gli stranieri rischiano il doppio sulle strade del nostro Paese. Infatti se il 6,4% degli automobilisti italiani ogni anno è coinvolto in un incidente, per i guidatori stranieri la percentuale sale fino al 13,5%.

La causa è, principalmente, la difformità di abitudini e di comportamenti: soprattutto per egiziani, peruviani, albanesi e cinesi, in misura minore per argentini, francesi e tedeschi che superano di poco la media italiana.

La presenza degli automobilisti stranieri in Italia è elevata: 2,6 milioni sono muniti di patente, di cui 1,4 milioni l’hanno conseguita con una scuola guida in Italia, e possiedono più di 2,7 milioni di automobili ed oltre 250.000 moto.  Gli stranieri residenti nel Paese sono 4,75 milioni.

Ma, oltre all'aspetto umano di salvaguardia delle vite, non dobbiamo dimenticare che gli incidenti stradali rappresentano un pericolo per l’intera collettività, con pesanti ripercussioni economiche oltre che sociali.

Il progetto ACI dei 1.000 corsi gratuiti di guida sicura.

Il progetto ACI per i guidatori stranieri prevede:

  • 1.000 corsi gratuiti di guida sicura l’anno per i prossimi tre anni;
  • la realizzazione di un call center multilingue per consulenza legale e tecnica sui problemi legati alla mobilità.

I corsi si svolgeranno presso il centro ACI-SARA di Vallelunga, vicino Roma, uno dei più moderni e attrezzati in Europa.

Come si svolgeranno i corsi gratuiti di guida.

I corsi gratuiti saranno effettuati per 18 giornate l’anno nei fine settimana, sempre con la presenza di un rappresentante della Polizia Stradale.

Ad ogni giornata potranno partecipare 60 allievi che raggiungeranno Vallelunga con pullman messi a disposizione dall’organizzazione.

I corsi di guida sicura gratuita ACI prevedono una parte teorica e una pratica con guida in condizioni di scarsa aderenza e sul bagnato.

A corso superato, i 3.000 stranieri selezionati diventeranno “Ambasciatori di sicurezza stradale” presso le proprie famiglie e le rispettive comunità nazionali, impegnandosi a promuovere il rispetto delle regole e, in particolare, l’importanza dell’uso delle cinture di sicurezza (anche posteriori), dei seggiolini omologati per il trasporto dei bambini, degli auricolari e dei sistemi viva-voce per il cellulare e i pericoli della guida sotto l’effetto di alcol e droghe.

Gli “Ambasciatori di sicurezza” saranno associati all’ACI gratuitamente per un anno.

Per maggiori informazioni e per compilare il modulo di richiesta visitare il sito www.aci.it

 

 
Video ACI corsi gratuiti per stranieri -Ambasciatori di sicurezza

Riforma del codice della strada: previsto l'abbassamento della velocità in città da 50 km/h a 30 km/h

Dopo l' approvazione da parte del Parlamento Europeo di un pacchetto di misure tendenti a migliorare la sicurezza stradale (abbassamento in tutti i Paesi dell’Unione del limite di velocità in città, dagli attuali 50 km/h ai 30 km/h) sembra realizzabile il recepimento, in tempi brevi, della normativa da parte del governo italiano.

L’abbassamento del limite di velocità in città è una soluzione efficace per la riduzione dei tanti incidenti, dalle conseguenze estremamente gravi, che giornalmente si verificano.

La circolazione in città viene spesso sottovalutata, si ritiene il rischio di incidente scarso perchè la velocità viene, erroneamente, considerata bassa quindi non pericolosa.

In realtà non è così, i dati statistici relativi alla rilevazioni di sinistri, dimostano che anche a 50 km/h si rischia di riportare lesioni non compatibili con la vita.

In parallelo, ma anche in funzione, di questa norma, molti comuni cominciano a prevedere in prossimità di posti sensibili (asili, scuole, mercati) la creazione di 'aree 30 km', ossia di zone delimitate dove la velocità di circolazione massima consentita è di 30 km/h.

Continua dunque la solita storia: da una parte la pubblicità automobilistica che ci stuzzica con nuovi modelli e super prestazioni, dall'altro la necessità pratica delle amministrazioni che devono disciplinare livelli di traffico e di sicurezza in costante aumento.

Che sia arrivato il momento di rispolverare la bicicletta?

Tu sei qui:

.... Basta un attimo ... per cambiare la tua vita e quella di chi ti vuole bene.
Sii prudente sempre ... Basta un attimo ... pensaci prima.
AutoInformazione.org è vicina alle vittime della strada ed ai loro familiari.