Per offrirti una migliore esperienza digitale su questo sito, Autoinformazioni utilizza cookie di sessione e di terze parti. La prosecuzione della navigazione mediante consenso (pressione su OK) o scroll di pagina comporta l'accettazione all'uso dei cookie. Procedendo con la navigazione, dunque, autorizzi la scrittura di tali cookie sul tuo dispositivo. Per maggior informazioni è a tua disposizione l’informativa vai su Approfondisci.

Ogni stagione ha la sua gomma: è ora di montare quelle estive.

Per ottimizzare la prestazione e, sopratutto la sicurezza in auto, occorre che l'auto abbia sempre le gomme a posto e, possibilmente, adeguate alla stagione.

Ecco quindi che ora, con l'avvicinarsi della bella stagione è il momento di scegliere gli pneumatici appropriati e quindi sostituire le gomme invernali con le GOMME ESTIVE.

Leggi l'articolo delle prove  TCS

Le gomme invernali infatti sono ideali quando la temperatura è inferiore ai 7 gradi, con il caldo primaverile ed estivo tenderebbero quindi a deteriorarsi facilmente: un consumo anomalo che probabilmente inciderebbe sulla sicurezza di guida.

L'uso delle gomme non idonee provoca inoltre un consumo maggiore di carburante e di questi tempi ....

Le gomme estive migliorano il grip dell'auto e consentono la riduzione dello spazio di frenata, una maggiore maneggevolezza e silenziosità della vettura ed un minor impatto ambientale (non dimentichiamo che, con la circolazione, le gomme per l'attrito con l'asfalto si sbriciolano rilasciando nell'atmosfera sostanze inquinanti).

Quali gomme estive scegliere per la propria auto?

Il TCS ha esaminato 38 tipi di gomme estive delle 2 dimensioni più diffuse nelle piccole vetture e nelle compatte di classe media.

Gli pneumatici sono stati sottoposti a 13 tipi di esame molto severi per verificare le migliori prestazioni delle gomme estive testate. In particolare è stata collaudata la qualità sia su fondi stradali asciutti che sul bagnato nonchè l’usura del battistrada.

Un buon pneumatico estivo si distingue per delle prestazioni costanti di alto livello in tutte le situazione, ma nell'ambito delle gomme testate (ed in generale per ogni pneumatico) si riscontrano notevoli differenze di prestazioni dovute all'esigenza, per le case costruttici, di ottimizzare le prestazione in base a vari elementi come le caratteristiche del fondo stradale, le condizioni atmosferiche, lo stile di guida, l’economicità e l’ecologia.

I produttori di pneumatici sono quindi costretti a dei compromessi nella realizzazione dei loro prodotti, sia nella composizione della mescola della gomma, sia nella costruzione della struttura e del profilo, e ciò si riflette sulle caratteristiche finali della gomma estiva.

Il bilancio delle prove effettuate dal TCS è comunque convincente, infatti ben 30 dei 38 prodotti considerati hanno raggiunto la menzione "raccomandato".

Come prevedibile si sono imposte le marche più conosciute, anche se i prodotti "meno conosciuti" si sono, in ogni caso, piazzati bene. 

La tecnologia protegge pedoni e ciclisti grazie ad un rilevatore Wi-Fi ad accesso diretto.

Si intensifica la ricerca per la protezione dei pedoni e dei ciclisti, elementi deboli della circolazione.

Anche la General Motors ha allo studio un software in grado di rilevare la presenza di pedoni e ciclisti nel raggio di circolazione dell'auto.

Il sistema è estremamente importante in caso di scarsa visibilità perchè individua, come se fosse un radar, la presenza dei pedoni e ciclisti sulla carreggiata segnalandola al conducente.

La particolarità del software GM Wi-Fi Direct , consiste nel fatto che consente  ai dispositivi Wi-Fi, come gli smartphone, iPhone, iPad di collegarsi tra loro senza la necessità della connessione con un hotspot wireless.

Con questa tecnologia i dati di posizione vengono rilevati con tempi ridotti fino a un secondo perché vengono eliminati i passaggi intermedi.

Michelin analizza 20.000 incidenti stradali per rispondere alla domanda: Quando e dove avvengono gli incidenti stradali?

Ogni giorno in Italia si verificano in media 700 incidenti stradali, che provocano la morte di 20 persone ed il ferimento di quasi 1000.

La gente comune ha però una percezione errata della sicurezza stradale e dei pericoli derivanti dalla guida. C'è spesso una sottovalutazione del rischio sopratutto nella guida in città. Si ritiene purtroppo che la velocità in città, relativamente bassa, ponga al riparo da danni fisici gravi in caso di incidente.



Nell’ambito dei comportamenti scorretti di guida, c'è da segnalare il mancato rispetto delle regole di precedenza, la guida distratta e la velocità troppo elevata. Da sole costituiscono quasi il 50% dei casi.

E' inoltre da segnalare lo stato psico fisico alterato del conducente situazione che, anche se non rappresenta una percentuale elevata rispetto al totale, va segnalata per la gravità degli eventi che può produrre.

Fortunatamente la sfida tecnologica per lo sviluppo di nuovi sistemi di sicurezza automobilistica, come ad esempio le gomme auto, ci può aiutare a conoscere, e quindi diminuire il rischio della guida in auto.

La Michelin nel corso degli studi per la realizzazione del nuovo pneumatico Michelin Primacy 3, ha analizzato 20.000 incidenti stradali verificatisi in Europa nell'arco di 10 anni.

I risultati emersi sono interessanti e quasi inaspettati:

    il 70% degli incidenti avviene sulla strada asciutta;
    il 60% degli incidenti avviene nelle aree urbane e a bassa velocità
    il 75% degli incidenti avviene nei rettilinei (di cui il 20% su strada bagnata)
    il 25% degli incidenti avviene in curva: sono i più gravi (il 50% dei quali su strada bagnata)
    il 99% degli incidenti che avviene su strada bagnata si verifica in presenza di uno spessore di acqua molto basso

Il nuovo pneumatico immesso sul mercato ha tenuto conto di questi studi e dei relativi test per garantire maggior tenuta di strada nelle condizioni di guida più difficili.

Ricordiamoci che anche la persona più prudente può commettere un errore o distrarsi, in questi casi che gli pneumatici di alta qualità ed in perfetta efficienza possono fare la differenza e salvare una vita umana! 

"Voglio la sicurezza e prometto di...", le 10 raccomandazioni della FIA per la sicurezza stradale.

La FIA Fédération Internationale de l'Automobile (la denominazione francese è quella ufficiale), in italiano Federazione Internazionale dell'Automobile, è una federazione di circa 150 Automobile Club nazionali di oltre 100 Paesi del mondo, rappresentanti quasi 100 milioni di automobilisti.

Riconosciuta dall'ONU, la FIA ha sede a Parigi nell'Hôtel de Crillon a Place de la Concorde ed è attualmente presieduta da Jean Todt.
 

Ecco le 10 raccomandazioni della FIA per la sicurezza stradale:

“VOGLIO LA SICUREZZA E PROMETTO DI:”

  1. ALLACCIARE LE CINTURE Ho la responsabilità di tutti i passeggeri
  2. RISPETTARE IL CODICE STRADALE Le regole esistono per proteggere tutti
  3. RISPETTARE IL LIMITE DI VELOCITÀ La mia auto è di metallo, i pedoni e i bambini no
  4. NON GUIDARE SE NON SONO LUCIDO/A Se ho bevuto o ho fatto uso di droghe, rappresento un pericolo sulla strada
  5. PROTEGGERE I MIEI BAMBINI Utilizzo i seggiolini e gli altri sistemi di ritenuta
  6. FARE ATTENZIONE Se telefono e invio messaggi sono un pericolo
  7. FERMARMI QUANDO SONO STANCO Meglio arrivare tardi che non arrivare
  8. INDOSSARE IL CASCO I motorini e le biciclette non mi proteggono la testa 
  9. ESSERE CORTESE E RISPETTOSO/A Rispetto gli altri conducenti
  10. PRENDERMI CURA DEL MIO VEICOLO Non voglio uccidere nessuno

SimTD "Safe Intelligent Mobility", una rete di comunicazione Facebook like per aumentare la sicurezza delle auto del futuro.

SimTD, "Safe Intelligent Mobility", è il consorzio di cui fanno parte le aziende automobilistiche Audi, Bmw, Daimler, Ford, Opel e Volkswagen, oltre a Bosch, Continental, Deutsche Telekom e molte istituzioni tedesche, che sta realizzando un sistema di comunicazione tra veicoli in grado di gestire le varie situazioni di traffico e scambiarle con gli utenti connessi per aumentare la sicurezza del viaggiare in auto.

Si tratta di un network di comunicazione C2X (car to x) che attualmente tiene connesse 120 automobili che si muovono sulle strade della regione tedesca del Rhine-Main.

Con questo sistema di connessione tra veicoli ci sarà la possibilità di "vedere" oltre il mezzo che ci precede in una marcia incolonnata, attivando un allarme se questa auto frena improvvisamente.

Ma il sistema potrebbe interagire anche con postazioni fisse poste lungo i bordi delle strade, per evitare incidenti determinati dall'impossibilità di vedere, ad esempio, tutti i mezzi in circolazione, compresi quelli nascosti da un bus o da un incrocio. La comunicazione tra le infrastrutture ed i veicoli potrà anche fornire in tempo reale le informazioni sugli ingorghi, sulle situazioni meteo e su altre eventuali emergenze facendole pervenire solo agli utenti interessati.

Si realizzerà quindi una nuova Facebook per auto e moto, solo che invece di foto e messaggini, circoleranno informazioni per la sicurezza.

Sicurezza in auto: o bevi o guidi, pesanti conseguenze per chi guida in stato di ebbrezza.

Oltre che per un evidente bisogno di sicurezza, astenersi dalla guida quando si è bevuto troppo è necessario per evitare conseguente estremamente pesanti.

Partiamo quindi proprio dalle sanzioni:

TASSO ALCOLEMICO AMMENDA SOSP.PATENTE PUNTI PATENTE FERMO ARRESTO
da 0,50 a 0,80 g/l da 500 a 2000 € da 3 a 6 mesi - 10 punti SI NO
da 0,80 ad 1,50 g/l da 800 a 3200 € da 6 a 12 mesi - 10 punti SI fino a 6 mesi
superiore a 1,50 g/l  da 1500 a 6000 € da 12 a 24 mesi - 10 punti  CONFISCA da 6 a 12 mesi 

 

 

La legge 120 del 29/07/2010 è molto severa nei confronti di chi si mette alla guida dopo aver 'alzato il gomito' e ciò vale in particolar modo per  i neopatentati e per chi con la patente ci lavora: camionisti, tassisti e conducenti di autobus.

L'accertamento dei valori alcolemici viene effettuato dagli operatori di Polizia stradale, nel rispetto della riservatezza personale e senza pregiudizio per l’integrità fisica, attraverso l'uso di un etilometro molto sofisticato e preciso e non invasivo.

L’accertamento viene effettuato attraverso l’analisi dell’aria alveolare espirata.

La concentrazione alcolica dovrà risultare da almeno due determinazioni concordanti, che vengono effettuate ad un intervallo di tempo di 5 minuti.

Il conducente è considerato in stato di ebbrezza quando dall’accertamento risulti un valore del tasso alcolemico superiore a 0,5 grammi per litro (g/l).

Sottoporsi al controllo, se si viene fermati dalla pattuglia della polizia stradale, è un obbligo.

Nei confronti di chi si rifiuta di sottoporsi agli accertamenti per la verifica del tasso alcolemico, vengono applicate le stesse sanzioni previste per chi viene trovato alla guida in stato di ebbrezza con un tasso alcolemico nel sangue superiore 1,5 grammi per litro.

Il veicolo, in caso di esito positivo del controllo alcolemico, non può essere condotto dalla persona trovata in stato di ebbrezza, per cui deve essere guidato da un'altre persona disponibile se ciò non è possibile il veicolo può essere sequestrato.

Particolarmente gravi le sanzioni in caso di incidente stradale: le pene sono raddoppiate ed è disposto il fermo amministrativo del veicolo per novanta giorni, salvo che il veicolo appartenga a persona estranea al reato.

Se il tasso alcolemico è superiore a 1,5 gr/l è sempre disposto il sequestro penale al quale segue la confisca, applicata con la sentenza di condanna.

La sicurezza stradale non è una questione di razza o di colore della pelle: corsi gratuiti ACI per automobilisti stranieri.

I valori dell’ accoglienza e dell’ integrazione sono i cardini dell'iniziativa dell'ACI, patrocinata dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, dal Ministero degli Affari esteri, dal Ministero della Cooperazione internazionale e integrazione e dal Ministero degli Affari regionali, turismo e sport e che prevede l'offerta di 1.000 corsi gratuiti di guida sicura all’anno per tre anni agli stranieri che guidano nel nostro Paese.

L'obiettivo è di diffondere il valore del rispetto del Codice delle Strada, presso le famiglie e le comunità nazionali estere.

3.000 automobilisti stranieri “AMBASCIATORI DI SICUREZZA STRADALE”

Perchè l'ACI promuove 1.000 corsi gratuiti di guida sicura agli stranieri che guidano nel nostro Paese ?

Il rischio di guida è sempre alto, ma gli stranieri rischiano il doppio sulle strade del nostro Paese. Infatti se il 6,4% degli automobilisti italiani ogni anno è coinvolto in un incidente, per i guidatori stranieri la percentuale sale fino al 13,5%.

La causa è, principalmente, la difformità di abitudini e di comportamenti: soprattutto per egiziani, peruviani, albanesi e cinesi, in misura minore per argentini, francesi e tedeschi che superano di poco la media italiana.

La presenza degli automobilisti stranieri in Italia è elevata: 2,6 milioni sono muniti di patente, di cui 1,4 milioni l’hanno conseguita con una scuola guida in Italia, e possiedono più di 2,7 milioni di automobili ed oltre 250.000 moto.  Gli stranieri residenti nel Paese sono 4,75 milioni.

Ma, oltre all'aspetto umano di salvaguardia delle vite, non dobbiamo dimenticare che gli incidenti stradali rappresentano un pericolo per l’intera collettività, con pesanti ripercussioni economiche oltre che sociali.

Il progetto ACI dei 1.000 corsi gratuiti di guida sicura.

Il progetto ACI per i guidatori stranieri prevede:

  • 1.000 corsi gratuiti di guida sicura l’anno per i prossimi tre anni;
  • la realizzazione di un call center multilingue per consulenza legale e tecnica sui problemi legati alla mobilità.

I corsi si svolgeranno presso il centro ACI-SARA di Vallelunga, vicino Roma, uno dei più moderni e attrezzati in Europa.

Come si svolgeranno i corsi gratuiti di guida.

I corsi gratuiti saranno effettuati per 18 giornate l’anno nei fine settimana, sempre con la presenza di un rappresentante della Polizia Stradale.

Ad ogni giornata potranno partecipare 60 allievi che raggiungeranno Vallelunga con pullman messi a disposizione dall’organizzazione.

I corsi di guida sicura gratuita ACI prevedono una parte teorica e una pratica con guida in condizioni di scarsa aderenza e sul bagnato.

A corso superato, i 3.000 stranieri selezionati diventeranno “Ambasciatori di sicurezza stradale” presso le proprie famiglie e le rispettive comunità nazionali, impegnandosi a promuovere il rispetto delle regole e, in particolare, l’importanza dell’uso delle cinture di sicurezza (anche posteriori), dei seggiolini omologati per il trasporto dei bambini, degli auricolari e dei sistemi viva-voce per il cellulare e i pericoli della guida sotto l’effetto di alcol e droghe.

Gli “Ambasciatori di sicurezza” saranno associati all’ACI gratuitamente per un anno.

Per maggiori informazioni e per compilare il modulo di richiesta visitare il sito www.aci.it

 

 
Video ACI corsi gratuiti per stranieri -Ambasciatori di sicurezza

Tu sei qui:

.... Basta un attimo ... per cambiare la tua vita e quella di chi ti vuole bene.
Sii prudente sempre ... Basta un attimo ... pensaci prima.
AutoInformazione.org è vicina alle vittime della strada ed ai loro familiari.