Per offrirti una migliore esperienza digitale su questo sito, Autoinformazioni utilizza cookie di sessione e di terze parti. La prosecuzione della navigazione mediante consenso (pressione su OK) o scroll di pagina comporta l'accettazione all'uso dei cookie. Procedendo con la navigazione, dunque, autorizzi la scrittura di tali cookie sul tuo dispositivo. Per maggior informazioni è a tua disposizione l’informativa vai su Approfondisci.

Nuovo airbag da General Motors: cuscino di aria posizionato in mezzo ai due sedili per proteggere i passeggeri in caso di urto laterale.

Il coinvolgimento dei passeggeri che occupano il sedile posteriore, anche se regolarmente cinturati è forte elemento di rischio, e quindi di lesioni, a seguito di incidente stradale.

In questa occasione il corpo viene proiettato sull'altro occupante il sedile e, per effetto dell'energia cinetica accumulata, ha un 'peso teorico' decine di volte superiore a quello effettivo.

Questo peso ovviamente piomba sull'altro passeggero procurando gravi danni ad entrambi.

Young Europe, il film di Matteo Vicino dedicato al tema della sicurezza stradale.

"non si ha coscienza dei pericoli"

Young Europe il film sulla sicurezza alla guidaYoung Europe è il film di Matteo Vicino dedicato al tema della sicurezza stradale prodotto dalla Polizia Di Stato nell'ambito del progetto Icarus.

Young Europe non ha finalità commerciali, ma è uno strumento di riflessione e formazione.

Il film di Matteo Vicino è molto toccante e girato con un linguaggio capace di parlare alle nuove generazioni.

I protagonisti sono cinque ragazzi di oggi appartenenti a diverse nazioni europee accomunati dall problematiche comuni dell'adolescenza e dal difficile rapporto con i genitori e le regole, in un mondo in cui gli adulti, non sempre offrono un modello di comportamento esemplare.

Il film mostra la quotidianità dei ragazzi attraverso il loro punto di vista: Josephine, una ragazza parigina sola ed una natura “ribelle”; Julian, un diciassettenne irlandese combattuto tra una relazione 'tranquilla' ed il fascino di una avvenente lettrice di spagnolo; Federico invece è il figlio di un poliziotto ed insieme alla sua coetanea Annalisa, entreranno in contatto con la superficialità di un quarantenne mai cresciuto.

Tutti i ragazzi sono accomunati dalla tragica esperienza di un incidente stradale.

Tecniche di guida sicura su neve e ghiaccio.

Il periodo è quello giusto, fiocca a frotte ed alla macchina spesso non si può rinunciare anche se nevica.

Ma il fondo stradale innevato, o peggio ghiacciato, rappresenta un'insidia notevole che mette a rischi la nostra sicurezza e quella delle persone che viaggiano in auto con noi. La neve ha diverse gradazioni di aderenza, su neve compatta si scivolerà più facilmente, mentre su neve fresca l'aderenza sarà maggiore. Il ghiaccio comporta quasi sicuramente una sbandata.

Esiste un modo di guida, una tecnica, per la guida sicura sulla neve ?

Esiste e come! Come tutte le situazioni impegnative, l'approssimazione e l'imperizia sono la maggior causa degli incidnti, dai più grandi ai più piccoli, che possono verificarsi sulle strade di tutto il mondo.

Per chi vuole essere al massimo della preparazione ci sono i corsi pratici di guida sicura. I corsi di guida sicura consentono all’allievo di prendere coscienza dei propri limiti e delle proprie reazioni al presentarsi di un pericolo.

Fondazione ANIA, a Roma il convegno “Reato di omicidio stradale: consapevolezza sociale, gravità e pene”

Nel corso del Terzo Salone della Giustizia si è svolto a Roma il convegno “Reato di omicidio stradale: consapevolezza sociale, gravità e pene” organizzato dalla fondazione ANIA, onlus delle compagnie di assicurazione.

"L'Italia è l'unico Paese d'Europa con oltre 4.000 morti sulle strade: L’Italia è il fanalino di coda tra i 27 paesi dell’Unione europea per numero di morti causati da incidenti stradali. Nessun altro Paese ha registrato più di 4mila vittime sulle strade nel 2010. E’ necessario intervenire in maniera decisa con misure che contrastano efficacemente questa strage. Inoltre, nei casi in cui gli incidenti stradali sono causati da gravi violazioni delle regole della strada, si deve prevedere una fattispecie normativa che regoli il reato di omicidio stradale".

In Italia nel 2010 ci sono stati 4.090 morti a seguito di incidenti stradali, il 27% con un’età compresa tra i 18 e i 32 anni. Si tratta del numero più alto nei 27 paesi dell’Unione europea.

Uso delle cinture di sicurezza su autovetture, autocarri ed autobus (art 172 cds)

L' USO DELLE CINTURE di sicurezza sulle autovetture e sugli autocarri

L’uso obbligatorio delle cinture di sicurezza è previsto dal primo comma dell’art 172 C.d.S, per le persone che viaggiano sui veicoli delle categorie internazionali M1 (autovetture), N1 (autocarri leggeri ) N2 ed N3 (veicoli commerciali pesanti per trasporto di cose).

Nelle autovetture, le cinture di sicurezza devono essere utilizzate sia dal conducente che dai passeggeri occupanti i posti anteriori o posteriori. Per assolvere a questo obbligo, il veicolo sia dotato fin dall’origine di idonei punti di attacco. (circolare del Dipartimento dei Trasporti Terrestri del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti prot. B053/2000/MOT del 22.6.2000).

La stessa regola si applica ai autocaravan, mezzi che derivano dai veicoli della categoria internazionale M1 o N1.

Monitoraggio delle materie prime a rischio di impatto ambientale: La Commissione Europea fissa le regole per l'etichettatura degli pneumatici.

Gli pneumatici garantiscono la sicurezza sulle strade, ricordiamo infatti che l'aderenza al suolo di una vettura è pari a circa 2 fogli di formato A4.

Avere il battistrada in ottime condizioni e la gomma adatta (soprattutto nel periodo invernale) garantisce la nostra incolumità.

Ecco perché i loro maggiori produttori si sono rivolti alla Commissione Europea chiedendo di delineare regole specifiche, per la classificazione degli pneumatici.

A partire dalla seconda metà del 2012 potrebbe essere obbligatorio l'etichettatura, ossia il labeling, delle gomme che verrebbero così classificate secondo tre indicatori:

  • frenata sul bagnato;
  • efficienza energetica;
  • rumorosità.

Esenzioni dall'obbligo di utilizzo dei sistemi di ritenuta, cinture seggiolini (art 172 C.d.S).

ESENZIONI: Chi è esentato dall'obbligo dell'uso dei seggiolini  o dei sistemi di ritenuta.

L’elenco dei soggetti esentati dall’impiego dei dispositivi di ritenuta, previsto dall'art 172 C.d.S., è stato rimodulato secondo le disposizioni della direttiva comunitaria 2003/20/CE.

• è stata eliminata l’esenzione dall’utilizzazione dei dispositivi da parte dei conducenti dei taxi e dei veicoli adibiti al noleggio con conducente;

• è stata introdotta l’esenzione per gli appartenenti alle Forze Armate nell’espletamento di attività istituzionali in situazioni di emergenza;

• accanto all’esenzione, già prevista dalla precedente normativa, per le persone affette da patologie che costituiscono controindicazione specifica all’uso dei dispositivi di ritenuta, è stata aggiunta la possibilità di esenzione anche per le persone che presentano condizioni fisiche, non patologiche, per le quali è controindicato l’uso delle cinture di sicurezza.

Tu sei qui:

.... Basta un attimo ... per cambiare la tua vita e quella di chi ti vuole bene.
Sii prudente sempre ... Basta un attimo ... pensaci prima.
AutoInformazione.org è vicina alle vittime della strada ed ai loro familiari.