SISTEMI DI SICUREZZA AUTO: Guida a tecnologie e dispositivi, sigle e funzioni

Da anni, la riduzione degli incidenti stradali è uno degli obiettivi principale dell'Unione Europea, un obiettivo che si può realizzare solo attraverso efficaci politiche sulla sicurezza stradale e l’utilizzo dei più moderni e innovativi sistemi di sicurezza per auto.

Nati spesso come opzional, tutte le moderne vetture sono dotate di valide tecnologie: assistenza alla frenata, trazione controllata, segnalatori di cambio corsia durante la marcia a causa di una distrazione, radar frontali per il rilevamento di pedoni e ciclisti, monitoraggio della pressione degli pneumatici, cruise control, sistema di allerta in prossimità di stop, display per il monitoraggio della parte posteriore dell’auto durante la retromarcia ecc...

Sostanzialmente i dispositivi di sicurezza si distinguono in:

  • Passivi (per ridurre al minimo le conseguenze degli incidenti)
  • Attivi (per evitare incidenti stradali)
  • Predittivi (al servizio della sicurezza)

I sistemi di sicurezza passivi

sono quelle tecnologie che limitano i danni in caso di incidente, assorbendo l’energia cinetica conseguente all’impatto:

  • le cinture di sicurezza, obbligatorie ormai dal 2019, hanno contribuito a salvare migliaia di vite umane, diminuendo in caso di incidente l’intensità dell’urto del corpo con l’abitacolo;
  • gli airbag (non solo airbag frontali, ma anche laterali e di protezione per le gambe), grazie ai sensori collocati nel veicolo, quando rilevano una decelerazione troppo rapida fanno scattare i meccanismi che gonfiano gli airbag tramite un gas compresso ad alta pressione. Per avere la massima protezione degli airbag occorre indossare le cinture di sicurezza, altrimenti si rischia un danno ancora maggiore;
  • i seggiolini per bambini, normalmente con attacco Isofix, garantiscono la sicurezza dei nostri figli;
  • i poggiatesta, per assicurare che il capo non venga proiettato bruscamente all’indietro in caso di urto;
  • i trasportini per cani e gatti, indispensabili per la sicurezza del viaggio dei nostri amici a quattro zampe;
  • le carrozzerie auto-deformanti, per assorbire l'energia cinetica dell'impatto mantenendo integra la cellula abitativa.

I principali sistemi di sicurezza attivi sono:

  • ABS, è il sistema antibloccaggio delle ruote. In caso di frenata brusca si potrebbe perdere aderenza sul terreno allungando lo spazio di frenata, l'ABS riesce a graduare l’arresto in quanto dosa progressivamente la forza della frenata nelle condizioni meteo più insidiose come pioggia o neve;
  • TCS sistema intelligente di controllo della trazione TCS (Traction control System), anche questo sistema controllo lo sbandamento dell'auto. La tecnologia TCS gestisce la decelerazione mentre il pneumatico perde aderenza, distribuendo così la coppia alle ruote attraverso un’erogazione ottimale;
  • ESP controllo elettronico di stabilità, in caso di sbandata aiuta a mantenere, tramite una serie di sensori, la stabilità dei veicoli.

sistemi di sicurezza predittivi

Oltre a questi collaudati sistemi di sicurezza, ce ne sono altri, qualcuno ancora in via di sviluppo, con funzioni predittive di situazioni fisiologiche di sicurezza o confort della guida:

  • rilevamento della stanchezza del conducente
  • segnalatori di cambio corsia e mantenimento automatico 
  • blocco motore con tasso alcolico oltre i limiti
  • segnalazione delle frenate d’emergenza
  • limitatore della velocità automatico (cruise control)
  • radar frontali per il rilevamento di pedoni e ciclisti
  • monitoraggio della pressione degli pneumatici
  • telecamere anteriori e posteriori

Articoli collegati: