A+ A A-

Quali precauzioni e cautele per l'acquisto di auto usate onde evitare brutte sorprese?

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Come effettuare il trapasso dell'auto in sicurezza.

Sia nell'acquisto che nella vendita di un'auto, una moto, un camper usato, il c.d. trapasso di proprietà, è opportuno effettuare una serie di operazioni di controllo per evitare di prendere la classica 'fregatura'.

Occorre infatti verificare due tipi di problematiche:

  1. amministrative
  2. tecniche.

Le prime fanno riferimento alla titolarità del diritto che il venditore vanta ed all'assenza di vincoli o gravami sul veicolo stesso, le seconde fanno invece riferimento agli aspetti specificamente rivolti alla idoneità e regolarità della circolazione e delle qualità commerciali del veicolo stesso.

Dal punto di vista amministrativo: la visura PRA

In pratica c'è una semplice ed economica operazione da compiere per verificare la situazione giuridica del veicolo: effettuare una visura al Pubblico Registro Automobilistico ( PRA ). La visura PRA può essere richiesta:

  1. presso un ufficio provinciale del PRA il costo è di meno di tre euro,
  2. on line sul sito dell'ACI (www.aci.it) si spende circa 5 euro
  3. presso un'agenzia di pratiche automobilistiche il costo varia perchè bisogna aggiungere i diritti di intermediazione. Conviene quindi chiedere prima il preventivo di spesa.

La visura ci dice tante cose sul veicolo e sul proprietario:

  • le caratteristiche tecniche attenzione il PRA è un ufficio amministrativo, i dati tecnici presenti sulla visura vengono richiamati dagli archivi della motorizzazione in caso di discordanza hanno valore quelli della motorizzazione
  • i dati anagrafici dell'ultimo intestatario al  Pubblico Registro Automobilistico (deve coincidere con chi si dichiara proprietario e vuole venderci il veicolo)
  • la presenza o meno di ipoteche, sequestri, pignoramenti, fermi amministrativi o altri vincoli.

Tutti questi dati devono coincidere con il libretto di circolazione ed il Certificato di Proprietà (o foglio complementare) in mano al proprietario.

Cosa controllare dal punto di vista tecnico prima di acquistare un'auto.

Quando si deve concludere una trattativa d'acquisto di un'auto occorre innanzitutto verificare la corrispondenza pra i dati reali presenti sull'auto e quelli riportati sul libretto di circolazione (magari con l'assistenza del proprio meccanico di fiducia):

  • numero di telaio
  • numero del motore
  • tipo di gomme
  • Controllare poi che le parti meccaniche, elettriche ed elettroniche del mezzo siano perfettamente funzionanti;
  • che la carrozzeria non presenti difetti tipo: chiusura di porte e finestrini;
  • che non vi siano infiltrazioni di acqua nell'abitacolo;
  • cercare di capire, confrontando parti esposte e parti nascoste di carrozzeria, se il mezzo è stato incidentato e quindi riverniciato;
  • se il motore sia stato sostituito
  • se la manutenzione è stata regolare e puntuale, possibilmente presso officine autorizzate.
  • che vi vengano date le chiavi originali in dotazione soprattutto, se esiste, la chiave master che consente di sbloccare l'antifurto.

Discorso particolare sul chilometraggio: è la prima cosa che si guarda, ma è la prima che viene contraffatta: conviene rapportare il dato dichiarato con lo stato di consumo generale, in particolare sedile guidatore, pedaliere, tasti e parti che si usano frequentemente nella guida e che, se particolarmente usurate, denotano  uno stato più 'vissuto' e quindi un chilometraggio maggiore.

Come il Codice del Consumo tutela l'acquirente.

Anche in questo campo agisce il Codice del consumo che prevede che la garanzia per i difetti di conformità del prodotto si applichi anche "alla vendita di beni di consumo usati" e quindi anche alle auto usate.

Se si acquista presso un rivenditore nel caso di guasti o di difetti scoperti dopo l'acquisto spetta, per legge, al venditore di offrirvi la soluzione migliore (non potete quindi ricorrere direttamente al meccanico di fiducia per la riparazione).

Dovete infatti inviare al venditore una raccomandata con ricevuta di ritorno, entro 60 giorni dalla scoperta del danno, per informarlo del malfunzionamento, dandogli un ragionevole periodo di tempo (va bene una settimana dal ricevimento della raccomandata) per comunicarvi le modalità che intende seguire per la riparazione. Se la situazione richiede di agire con urgenza bisogna, in ogni caso, effettuare la comunicazione a mezzo fax, email o, almeno, una telefonata.

Se si acquista da un privato Il codice del Consumo non riguarda la compravendita di auto usate fra privati. In questa ipotesi valgono le regole stabilite dal Codice civile (art.1490 e segg.).

Il venditore deve garantire che l'auto non abbia di vizi occulti e libera da vincoli o ipoteche o preavvisi di fermo amministrativo non devono insomma esservi taciute circostanze pregiudizievoli per l'acquisto.

Anche la manomissione del contachilometri viene tutelata: se si scopre in seguito che l'automobile ha percorso molti più chilometri di quelli dichiarati, si può chiedere un rimborso del prezzo o, nei casi più gravi (quando la differenza chilometrica sia elevata) la risoluzione del contratto.

 

Tagged under: proprietà,

.... Basta un attimo ... per cambiare la tua vita e quella di chi ti vuole bene.

Sii prudente sempre ... Basta un attimo ... pensaci prima.

AutoInformazione.org è vicina alle vittime della strada ed ai loro familiari.