Carnet de Passage en Douane: Cosa è, a cosa serve e come ottenerlo.

In molti paesi del mondo, per poter importare temporaneamente in franchigia doganale i veicoli privati e commerciali, è obbligatorio avere con se il documento doganale internazionale denominato Carnet de Passages en Douane (CPD).

Cosa è il Carnet de Passage en Douane.

Si tratta del 'titolo di importazione temporanea' dei veicoli privati e commerciali adottato dai paesi aderenti alla Convenzione Doganale di New York del 4/6/1954, sulla base delle risoluzioni prese dalla Conferenza delle Nazioni Unite sul trasporto stradale e automobilistico (Convenzione sulla Circolazione Stradale, Ginevra 1949), per favorire lo sviluppo del turismo internazionale.

Con la legge n. 1163 del 27/10/1957 il Governo Italiano ha recepito le disposizioni della Convenzione Doganale di New York.

Viene rilasciato dall'ACI ed ha validità di 1 anno. E' consigliabile richiedere il Carnet de Passages en Douane almeno un mese prima della partenza.

Il costo è di:

  • € 250,00 per i non Soci Aci
  • € 150,00 per i Soci ACI.

Con i seguenti costi supplementari:

  • emissione nuovo CPD a seguito smarrimento del precedente : € 50,00;
  • istruzione pratica per proroga validità CPD : € 50,00;
  • annullamento CPD per errore comunicazione dati da parte del cliente : € 50,00

A cosa serve Carnet de Passage en Douane e la fideiussione.

Il CPD garantisce che il veicolo sia importato solo temporaneamente nel paese estero, infatti per ottenere il Carnet occorre fare una fideiussione, ovvero bloccare una carta cifra, che verrà restituita solo uscendo dal paese visitato con lo stesso mezzo riportato sul Carnet..

La polizza fideiussoria assicurativa o la fideiussione bancaria si basa sul valore del veicolo e segue i seguenti criteri:

  • per i veicoli nuovi e fino a 5 anni di vita la garanzia è pari al prezzo di listino del nuovo;
  • per i veicoli da 6 a 10 anni di vita la garanzia è il doppio del valore commerciale;
  • per i veicoli oltre i 10 anni di vita la garanzia è il triplo del valore commerciale.

L'importo della polizza fideiussoria non potrà in ogni caso essere inferiore a € 2.300.

Paesi nei quali è richiesto il CPD.

AFRICA
Botswana, Burundi, Egitto, Kenya, Lesotho, *Mauritania, Namibia, Rep. Sudafricana, * Senegal, *Somalia, Sudan, Swaziland, *Tanzania, *Togo, *Uganda, Zimbabwe.

ASIA
Bangladesh, Emirati Arabi Uniti, Giappone, Giordania, India, Indonesia, Iran, *Iraq, Kuwait, Libano, Malesia, *Nepal, Oman, Pakistan, Qatar, Singapore, Sri Lanka, Siria, *Yemen.

OCEANIA
Australia, Nuova Zelanda.

AMERICA
Argentina, Canada, Cile, Colombia, *Giamaica, Paraguay, Perù, Trinidad & Tobago, Uruguay, Venezuela.

EUROPA
Belgio, Danimarca, Finlandia, Grecia (in questi paesi il CPD è richiesto solo per alcune categorie di veicoli come auto da corsa, ambulanze etc. Il CPD non è richiesto per i veicoli privati e commerciali.)
Turchia (il CPD è accettato ma in dogana può essere acquistato un altro documento al posto del carnet de passages en douane)

I documenti necessari per il rilascio del Carnet de Passage en Douane

Per ottenere il CPD occorre recarsi presso una delle Unità Territoriali dell'Automobile Club d'Italia e presentare:

-la fidejussione bancaria o la polizza fidejussoria assicurativa sul valore del veicolo a garanzia dei dazi doganali con beneficiario:
Automobile Club d'Italia
Via Marsala 8 - 00185 Roma
(modello fidejussione bancaria)
(modello polizza fidejussoria assicurativa)
-la carta di circolazione del veicolo
-il numero del motore (da individuare sul veicolo)
-il passaporto (non scaduto) del titolare del veicolo
-il modello di accettazione delle condizioni di rilascio firmato (mod. 4 ctd)
Approfondisci sul sito ACI

Come è fatto il Carnet de Passage en Douane e come si usa.

Il CPD è redatto in lingua inglese e in lingua francese ed è stampato in formato A4.
Sul fronte della copertina sono indicati il nome del titolare, l'associazione che rilascia il documento, la sequenza alfanumerica che lo identifica e il periodo di validità.

Il Carnet de Passages en Douane contiene 25 o 10 fogli, ciascuno dei quali è formato da una ricevuta d'entrata e d'uscita staccabili e da una matrice che, invece, non è separabile dal libretto.

L'ultimo foglio del carnet è costituito dal Certificate of Location o Certificat de Présence, necessario per la regolarizzazione del documento nel caso in cui, al momento della riconsegna, il libretto fosse privo dei timbri doganali dei paesi che lo hanno preso in carico.

Ciascun foglio del carnet corrisponde ad un soggiorno temporaneo del veicolo in uno dei paesi, menzionati e non depennati, dell'elenco dei paesi che figurano sul retro della copertina del carnet stesso.

All'entrata nel Paese, il funzionario della dogana stacca e trattiene la ricevuta d'ingresso, indica sulla ricevuta di uscita il nome dell'ufficio doganale d'ingresso e il numero di presa in carico del carnet; deve, inoltre, apporre il timbro ufficiale sulla matrice (importazione) indicante il nome dell'ufficio doganale d'importazione, la data di entrata e la propria firma. Il titolare del carnet deve verificare in quel momento che ogni entrata sia registrata secondo le regole e, in caso contrario, farla completare o rettificare.

All'uscita, il funzionario della dogana stacca e conserva la ricevuta d'uscita; deve apporre il timbro ufficiale sulla matrice (esportazione) indicando il nome dell'ufficio di dogana di esportazione, la data di uscita e la propria firma. Il titolare del carnet deve verificare in quel momento che ogni uscita sia registrata secondo le regole e, in caso contrario, farla completare o rettificare.

Il certificato che attesta l'avvenuta riesportazione (Certificate of Location/Certificat de Présence) costituisce l'ultima pagina del carnet e deve essere utilizzato conformemente alle istruzioni che si trovano sul certificato stesso o a quelle fornite, ad integrazione, dall'associazione che lo rilascia.

Il veicolo importato temporaneamente sotto copertura di un carnet non deve essere né prestato, né noleggiato, né venduto, né abbandonato previo accordo dell'amministrazione doganale del paese visitato e del club che rilascia il carnet.

Per ulteriori informazioni sul carnet de passages en douane, visitare il sito www.carnetdepassage.org 

Articoli collegati: