A+ A A-

Risparmiare sull'assicurazione: usufruire del Decreto Bersani per la classe di merito.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Il decreto Bersani per risparmiare

L'assicurazione per i neopatentati è estremamente onerosa, ma c'è un modo per ridurre il costo dell'assicurazione per un patentato giovane e fresco di patente, possessore di un'auto: usufruire del decreto Bersani.

La legge Bersani è stata introdotta nell’aprile 2007 ed ha reso meno onerosa la stipula di un nuovo contratto RCA per veicoli appena acquistati da un membro della famiglia nel caso nella famiglia stessa sia presente un altro veicolo assicurato.

In questo caso la nuova assicurazione auto non parte dalla classe d’ingresso CU 14, come previsto dalle regole dei contratti della responsabilità civile auto, ma dalla classa assicurativa più favorevole.

La Legge n. 40/2007, Legge Bersani.

Il testo delle Legge Bersani dice che: “L’impresa di assicurazione, in tutti i casi di stipulazione di un nuovo contratto, relativo a un ulteriore veicolo della medesima tipologia, acquistato dalla persona fisica gia’ titolare di polizza assicurativa o da un componente stabilmente convivente del suo nucleo familiare, non puo’ assegnare al contratto una classe di merito piu’ sfavorevole rispetto a quella risultante dall’ultimo attestato di rischio conseguito sul veicolo.”

Gli elementi per usuffruire della Legge Bersani in caso di nuova assicurazione.

Per poter applicare la legge Bersani occorre:

  • un' auto di nuova immatricolazione oppure usata con trapasso di proprietà al P.R.A. ma non assicurata precedentemente;
  • che l'acquirente sia già in possesso di un'auto assicurata o che l'acquisto venga effettuato da un componente del nucleo familiare;
  • che il veicolo sia della stessa tipologia di quella già assicurata

Si può quindi stipulare un contratto di assicurazione RCA acquisendo la classe di merito di partenza identica a quella di un contratto rca in vigore appartenente ad un veicolo di proprietà di un componente convivente dello stesso nucleo familiare.

Ugualmente, si può acquisire la miglior classe anche nel caso la nuava auto venga intestata alla stessa persona titolare del rapporto assicurativo.

In buona sostanza per applicare la Legge Bersani occorre che il veicolo appena acquistato sia considerabile “aggiuntivo” rispetto ad almeno un’altro mezzo presente nel nucleo familiare, sia dello stesso proprietario del nuovo mezzo sia di altro familiare.

Come detto il veicolo aggiuntivo deve appartenere alla stessa categoria di quello principale, per cui un motociclo non potrà passare la classe di merito ad ‘autovettura, e neanche al contrario.

La Legge Bersani permette quindi di usufruire di una classe di merito più vantaggiosa rispetto a quella d’ingresso prevista per legge.

Ma la classe di merito è l’unico fattore che viene ereditato dall’altro contratto utilizzato per l’operazione, non viene trasferita da un mezzo all’altro la storia assicurativa degli ultimi 5 anni per cui il premio assicurativo pur calcolato sulla classe di merito, non potrà tener conto della storia pregressa, e quindi risultare ugualmente alto.

C'è un vantaggio economico per i neopatentati?

La Legge Bersani per i neopatentati spesso non è economicamente vantaggiosa, pur potendo usufruire della classe di merito più bassa fin dal primo anno di polizza, il premio può non corrispondere alle attese degli utenti: non essendoci la storia pregressa della sinistrosità (i NA, non assicurato, nell’attestato di rischio) pur con la classe favorevole, si paga di più.

Il vantaggio per il neopatentato si potrà vedere solo dopo 5 anni dall’inizio della polizza, ossia quando le colonne degli NA spariranno. A quel punto ci si troverà ad avere una classe di merito che altrimenti si sarebbe ottenuto in molti più anni di pagamento di premi assicurativi.

Tagged under: Neopatentati,

.... Basta un attimo ... per cambiare la tua vita e quella di chi ti vuole bene.

Sii prudente sempre ... Basta un attimo ... pensaci prima.

AutoInformazione.org è vicina alle vittime della strada ed ai loro familiari.