A+ A A-

Nuova classificazione di ciclomotori e motoveicoli, articolo 47 CdS.

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Importanti modifiche al Codice della strada relative ai requisiti psico-fisici, sono già in vigore dal 15 maggio 2011.

Dal prossimo 19 gennaio 2013 entreranno in vigore altre modifiche, tra le più importanti quelle relative al rilascio della patente, e quelle in materia di classificazione dei veicoli.

Il decreto legislativo 18 aprile 2011, n. 59, che recepisce le direttive europee 2006/126/CE e 2009/113/CE, e modifica il Codice della Strada è stato pubblicato nella Gazzetta ufficiale del 30 aprile 2011 n. 99. Il 22 dicembre del 2012, il Consiglio dei Ministri ha però licenziato il testo di un decreto che modifica in parte il contenuto del decreto legislativo n. 59.

Le modifiche all'articolo 47 del Codice della strada, in materia di classificazione dei veicoli.

L’art. 47 del codice della strada contiene la classifica dei veicoli sia nazionale che europea. 

La nuova disciplina dell'art 47 del CdS prevede, nell’ambito della categoria L (ciclomotori e motoveicoli) la classificazione in sette categorie, così come prevista dalla direttiva europea 2002/24, diversamente dalla precedente classificazione in sole 5 categorie.

Altra importante novità è la ridefinizione della cilindrata dei ciclomotori e della loro velocità massima.

Le nuove categorie per ciclomotori e motoveicoli.

I ciclomotori

Mentre la norma esistente fissava la cilindrata massima in 50 cc, qualunque fosse il sistema di propulsione del veicolo, nella disciplina introdotta dal decreto 59, c'è questa distinzione:

  • il limite dei 50 cc riguarda i veicoli ad accensione comandata;
  • per quelli a combustione interna o per i veicoli elettrici il limite è 4 Kw.

Modifiche anche per quel che riguarda la velocità massima, la nuova norma prevede per i ciclomotori la velocità massima di 45 km/h, anziché i precedenti 50 km/h.

Con le nuove norme, quindi, i ciclomotori si distinguono nelle seguenti categorie:

  • L1e (precedentemente era L1) - veicoli a 2 ruote di cilindrata fino a 50 cc e velocità massima fino a 45 km/h;
  • L2e (precedentemente era L2) - veicoli a 3 ruote di cilindrata fino a 50 cc ( fino a 4 Kw per motore a combustione interna e per i veicoli elettrici) e velocità massima fino a 45 km/h;
  • L6e (assente nel precedente articolo 47):
    • veicoli a 4 ruote (quadriciclo leggero), con massa massima a vuoto fino a 350 Kg, con cilindrata fino a 50 cc (fino a 4 Kw per motore a combustione interna;
    • veicoli elettrici e velocità massima fino a 45 km/h.

I motoveicoli

I motoveicoli si distinguono nelle seguenti categorie:

  • L3e (precedentemente era L3): veicoli a 2 ruote con cilindrata superiore a 50 cc e velocità oltre i 45 Km/h;
  • L4e (precedentemente era L4): veicoli a 3 ruote asimmetriche rispetto all’asse longitudinale mediano, con cilindrata superiore a 50 cc e velocità oltre i 45 Km/h;
  • L5e (precedentemente era L5): veicoli a 3 ruote simmetriche rispetto all’asse longitudinale mediano, con cilindrata superiore a 50 cc e velocità oltre i 45 Km/h;
  • L7e: (assente nel precedente articolo 47): quadricicli, diversi da quelli di cui alla categoria L6e, la cui massa a vuoto e' inferiore o pari a 400 kg (550 kg per i veicoli destinati al trasporto di merci), esclusa la massa delle batterie per veicoli elettrici, e la cui potenza massima netta del motore e' inferiore o uguale a 15 kW.
 
Tagged under: Circolazione,

.... Basta un attimo ... per cambiare la tua vita e quella di chi ti vuole bene.

Sii prudente sempre ... Basta un attimo ... pensaci prima.

AutoInformazione.org è vicina alle vittime della strada ed ai loro familiari.