Divieto di tenere il motore acceso durante la sosta del veicolo, con condizionatore acceso, art 157 cds. Attenzione d'estate al rischio multe.

Stampa
Categoria: Circolazione
Creato 08 Maggio 2012 Ultima modifica il 08 Maggio 2012
primi sui motori con e-max

Il decreto legge n. 117 del 2007 ha modificato l'art 157 del Codice della strada, introducendo una nuova sanzione per chi lascia il motore dell'auto acceso per far funzionare il condizionatore auto.

In termini di rispetto dell'ambiente, lotta all'inquinamento atmosferico ed ora anche di costi del carburante, questa limitazione è più che opportuna, l'aspetto che lascia perplessi è che spesso questa infrazione non viene contestata ai conducenti indisciplinati.

In Europa esistono norme analoghe e, fortunatamente, inizia ad intravedersi una maggiore determinazione nel combattere il fenomeno.

Valutate le situazioni di traffico e le code ai semafori, per le auto che non siano ibride, elettriche o a emissioni zero, viene fatto divieto di sosta con il motore acceso.

Sono, normalmente, esentati i mezzi di servizio e pronto soccorso come ambulanze, auto della polizia, vigili del fuoco,

Fra le capitali più attive, Londra e Madrid dichiarano infatti guerra alle auto ferme con il motore acceso.  I relativi sindaci hanno stabilito sanzioni decisamente salate per chi non spegne il motore durante la sosta.

A Londra,  il sindaco Boris Johnson, appena confermato, ha fatto del provvedimento uno dei suoi cavalli di battaglia. Così nella City quando la polizia municipale lo intima, bisogna spegnere la macchina, pena una multa da 20 sterline (25 euro circa).

Ancora più determinati sono stati a Madrid. Chi viene pizzicato con il motore acceso mentre è fermo paga ben 100 euro di sanzione.

Il testo dell'art 157 CdS

"Nuovo codice della strada", decreto legislativo 30 aprile 1992 n. 285 e successive modificazioni.

TITOLO V - NORME DI COMPORTAMENTO

Art. 157. Arresto, fermata e sosta dei veicoli.
... omissis ....
7-bis. È fatto divieto di tenere il motore acceso, durante la sosta del veicolo, allo scopo di mantenere in funzione l’impianto di condizionamento d’aria nel veicolo stesso; dalla violazione consegue la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 205 a euro 410.

 

primi sui motori con e-max

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna