Per offrirti una migliore esperienza digitale su questo sito, Autoinformazioni utilizza cookie di sessione e di terze parti. La prosecuzione della navigazione mediante consenso (pressione su OK) o scroll di pagina comporta l'accettazione all'uso dei cookie. Procedendo con la navigazione, dunque, autorizzi la scrittura di tali cookie sul tuo dispositivo. Per maggior informazioni è a tua disposizione l’informativa vai su Approfondisci.

Si può guidare un'auto in Italia con la patente estera?

ATTENZIONE, il 'Decreto Sicurezza" Salvini introduce pesanti sanzioni per chi, trascorsi due mesi dalla residenza in Italia, guida un veicolo con targa straniera e non prende le targhe italiane. Sono previste sanzioni a partire da 700 euro con fermo amministrativo dell'auto ed addirittura la CONFISCA dell'auto stessa. LEGGI L'AGGIORNAMENTO delle regole per la guida di un'auto con targa estera.

Quando si può guidare in Italia con la patente estera.

Chi è titolare di una patente di guida rilasciata da uno Stato estero può guidare sul territorio italiano i veicoli, per i quali è valida la sua patente, purché non sia residente in Italia da più di un anno (art. 135 del Codice della Strada).

Se si tratta di una patente di guida estera extracomunitaria, quest’ultima deve essere accompagnata dal permesso internazionale di guida (rilasciato dallo Stato estero che ha emesso la patente) o da una traduzione ufficiale in lingua italiana.

Rinnovo della patente: la scadenza sarà quella del giorno del compleanno.

Come rinnovare la patente autoScadenza patente compleanno

E' un piccolo passo verso la semplificazione quello di rendere più facile ricordare le scadenze importanti, ma senza dubbio e di notevole aiuto per gli automobilisti.

Con il "decreto semplificazioni" (decreto legge 9 febbraio 2012), il Governo ha deciso di far coincidere la scadenza della patente alla data del compleanno (circolare n. 7 del 20/712 confermata dal ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti con la circolare n. 23907 del 7/9/12)

La nuova disposizione che accorpa la data di scadenza della patente al giorno del compleanno riguarda solo le patenti A e B (AM, A1, A2, A, B1, B e BE) con scadenza ordinaria, cioè con durata non limitata.

Nessuna semplificazione è prevista, invece, per le patenti:

  • C e D (C1, C1E, C, CE, D1, D1E, D e DE);
  • per le CQC (Carta di qualificazione del conducente);
  • per le patenti A e B rinnovate con visita effettuata da una Commissione medica.

Come recuperare i punti della patente persi a causa delle violazioni del codice della strada?

Come recuperare i punti della patente persi a causa delle violazioni del codice della strada?

punti persi sulla patente a seguito di multe per infrazioni al Codice della strada si possono recuperare in due modi:

1) Automaticamente: ai patentati che mantengono per 2 anni il punteggio pieno di 20 punti senza commettere infrazioni che implicherebbero la diminuzione di punti. E' previsto un premio di 2 punti per ogni biennio senza infrazioni, fino ad un massimo di 10.

WebPatente 4.4 uno dei migliori quiz-test per prendere la patente auto o il patentino

WEBPATENTE Prepararsi gratuitamente all'esame della patente con i programmi sul web.

Sul web ci sono diversi programmi validi per prepararsi a sostenere l'esame teorico della patente di guida integrando la preparazione in autoscuola con l'auto-didattica dal proprio computer.

La scelta è ampia e difficile perchè sono, quasi tutti, programmi di buona qualità: aggiornati e molto vicini ai test che dovranno poi essere effettuati presso la Motorizzazione Civile in sede di esame della patente.

Come scegliere il miglior programma di quiz per la patente.

Una prima valutazione allo può essere fatta valutando il costo per l'acquisizione del software, una prima discriminante potrebbe essere, quindi, proprio quella dell'accesso gratuito al programma.

In quest'ottica  spicca WEBPATENTE, arrivato alla versione 4.0.

Questo programma è opera del prof Mastri del liceo Malpighi di Bologna, un insegnante veramente attivo e poliedrico che, in un mondo legato all'interesse economico, è invece fautore della libera distribuzione e della condivisione.

Conversione delle patenti di guida comunitarie con validità amministrativa scaduta.

La circolare del MIT Prot. n. 13821 del 11/06/2015 ha chiarito le modalità di conversione delle patenti di guida estera, rilasciate da uno Stato membro dell'Unione Europea, qualora sia già decorso il termine di validità del documento all'atto della presentazione della domanda.

La Commissione Europea - Direzione Generale della Mobilità e dei Trasporti ha reso noto, infatti, che le patenti comunitarie possono essere convertite anche se la relativa istanza viene presentata oltre la data di scadenza di validità.

Lo stesso principio si applica alle patenti prive di data di scadenza, il cui termine di validità è stato definito nella circolare n. 23455 del 23/10/2014.

Rimangono confermate le procedure già vigenti relativamente a:

  1. possibilità di disporre il provvedimento di revisione, ai sensi dell'art. 128 del codice della strada, in caso di mancato esercizio alla guida per più di tre anni; 
  2. alla necessità di richiedere sempre il certificato medico per convertire una patente scaduta;  
  3. alla verifica presso la competente Autorità estera dell'esistenza o meno di provvedimenti interdittivi alla guida per il titolare del documento.

Nuova procedura di rinnovo di validità della patente di guida, la circolare del Ministero dei Trasporti n. 18778 del 03/09/14.

1. Circolare Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti prot. n. 18778 del 03/09/14 - Premessa.

Con circolare prot. 8326 del 7 aprile 2014 sono stati forniti chiarimenti e disposizioni operative in materia di rinnovo di validità della patente di guida.

In considerazione di alcune richieste di chiarimenti pervenute dagli Uffici Motorizzazione civile e dagli operatori del settore, si rende necessario fornire ulteriori precisazioni.  Pertanto, si ripropone il testo della precedente circolare opportunamente integrato con le innovazioni apportate in carattere grassetto.

Rinnovo della patente, dal 2014 viene ristampata: basta etichetta adesiva da attaccare!

Non c'è più l'etichetta da attaccare sulla patente

Dal 2014 basta con l'etichetta adesiva da attaccare sulla patente quando si effettua il rinnovo, al rinnovo, verrà stampata una nuova patente, con una foto aggiornata, e la patente stessa verrà spedita a casa.

Il decreto del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti che prevede le nuove procedure di rilascio del duplicato della patente entrerà in vigore il 9 gennaio e sono previsti 20 giorni di tolleranza per permettere alle strutture di aggiornarsi.

La conferma di validità del nuovo documento di guida verrà effettuata in maniera telematica, quindi la patente rinnovata e con una foto aggiornata del titolare, sarà inviata all'indirizzo di residenza.

I medici potranno accedere al sistema informatico del Dipartimento per i Trasporti attraverso il sito web della Motorizzazione "Il Portale dell'Automobilista".

Attraverso la procedura telematica il medico può indicare eventuali prescrizioni mediche riguardanti il conducente o gli adattamenti al veicolo. Il medico inserirà anche gli estremi del pagamento e foto e firma del titolare.

A questo punto il sistema informatico rilascerà la ricevuta che attesta l'avvenuta conferma di validità che, firmata dal medico verrà consegnata al richiedente.

La ricevuta vale fino all'arrivo della nuova patente, secondo il ministero entro una settimana, e, in ogni caso, non più di 60 giorni.


Quanto costa il rinnovo della patente.

Il costo della procedura di rinnovo patente è rimasto invariato, 25 euro (16 euro per la marca da bollo e 9 euro dei diritti di motorizzazione).

I pagamenti vanno effettuati con il bollettino postale dedicato, e la ricevuta deve essere consegnata al medico insieme alla fotografia in formato cartaceo.

A questi costi vanno aggiunti quello della visita medica e i 6,80 euro di posta assicurata, da saldare in contrassegno o al ritiro presso l'ufficio postale.

 


Esito negativo della conferma di validità della patente di guida per via telematica.

Se vi è discordanza tra i dati presenti nell’anagrafe nazionale degli abilitati alla guida e quelli riportati sulla patente da rinnovare, il sanitario certificatore, in caso di esito positivo della visita, redige la comunicazione su supporto cartaceo non in bollo (senza indicare l’indirizzo del destinatario necessario per il recapito in quanto la pratica di rinnovo sarà trattata direttamente dall’ufficio della motorizzazione civile dove è stata effettuata la visita medica) sulla quale è apposta la fotografia che si autentica è la firma del titolare della patente di guida.

La conferma di, validità della patente deve, quindi, essere richiesta dal titolare, all’Ufficio Motorizzazione civile.

L’istanza di rinnovo patente deve essere corredata dalla stampa della "schermata" generata dal sistema informatico da cui risulta l’impossibilità di procedere al rinnovo di validità della patente secondo la procedura prevista.

Tale certificazione è utilizzata per presentare domanda di emissione di duplicato a titolo di conferma di validità della patente all’ufficio della motorizzazione civile, allegando le attestazioni di versamento.


Problematiche per mancato ritiro o consegna del duplicato della patente.

  • Impossibilità di recapito
    Le patenti che, dopo il primo tentativo di recapito risultino impossibili da recapitare per le seguenti motivazioni: rifiuto, indirizzo inesatto, indirizzo insufficiente, indirizzo inesistente, destinatario irreperibile, destinatario deceduto, destinatario sconosciuto, destinatario trasferito, NON saranno più spedite all'UMC di competenza ma verranno restituite all'Ufficio Centrale Operativo e successivamente annullate nel Sistema SIMOT e distrutte. Contestualmente verrà aggiornato il Sistema Integrato di Monitoraggio (SIM).
  • Mancato ritiro presso l'Ufficio Postale
    Le patenti che, al 60° giorno dalla data del secondo tentativo di recapito non saranno ritirate presso l'Ufficio Postale, dal titolare o da un suo delegato, NON verranno più trasferite agli UMC di competenza ma verranno restituite all'Ufficio Centrale Operativo e successivamente annullate nel Sistema SIMOT e distrutte. Contestualmente verrà aggiornato il Sistema Integrato di Monitoraggio (SIM).

A partire dal 9.1.2014 le patenti che si trovano in giacenza presso gli Uffici della Motorizzazione (perchè sono trascorsi i 60 giorni dal 2° tentativo di recapito da parte del Consorzio PatentiviaPoste S.C.P.A.), non ancora rilasciate al titolare o ad un suo delegato, verranno ritirate dagli addetti di detto Consorzio e restituite all'Ufficio Centrale Operativo. Successivamente dette patenti verranno annullate nel Sistema SIMOT e distrutte. Contestualmente verrà aggiornato il Sistema Integrato di Monitoraggio (SIM).


Problematiche per duplicati patente non conformi.

  • Duplicati patenti per smarrimento, furto o distruzione.
    Nei casi in cui il duplicato della patente di guida ricevuto dall'utente, risulti riportare dati non corretti o di scarsa qualità, potrà essere richiesto dal titolare della patente un duplicato presso un qualsiasi Ufficio della Motorizzazione Civile, senza ulteriori oneri a suo carico.
  • Patenti di guida emesse a seguito di conferma di validità.
    Qualora le patenti di guida che verranno emesse a seguito di conferma di validità, risultino riportare dati non corretti o di scarsa qualità, potrà essere richiesto, dai rispettivi titolari, un duplicato presso un qualsiasi Ufficio della Motorizzazione Civile, senza ulteriori oneri a carico dell'utente. 

Potrebbe slittare la consegna della patente a casa in sede di rinnovo.

Nonostante la notevole pubblicizzazione, la consegna della patente a casa alla scadenza potrebbe slittare a causa dei rilievi proposti dalle regioni.

La nuova procedura, infatti, appesentirebbe l'operato del medico gravato dell'obbligo, prima di rilasciare la certificazione provvisoria di avvenuto rinnovo, di inserire nel sistema informatico anche i codici a barre dei bollettini di pagamento.

Mancanza di attrezzature informatiche adeguate a livello locale ed aumento della burocratizzazione delle procedure secondo le Regioni sono un impedimento alla realizzazione immediata della riforma.

Le Regioni hanno quindi richiesto per l'avvio della procedura di invio automatico a casa della patente in sededi rinnovo, uno slittamento di almeno un anno, tempo necessario per adeguare le strutture ed i processi attribuiti ai medici.

Tu sei qui:

.... Basta un attimo ... per cambiare la tua vita e quella di chi ti vuole bene.
Sii prudente sempre ... Basta un attimo ... pensaci prima.
AutoInformazione.org è vicina alle vittime della strada ed ai loro familiari.