Fermo Amministrativo: tutto quello che bisogna sapere!

Indice articoli

Cosa fare quando si scopre il fermo amministrativo.

Spesso si scopre per caso di avere un fermo sull'auto, magari al momento di pagare il bollo auto. In questo caso, infatti, il sistema di riscossione blocca il pagamento del bollo. Ecco cosa bisogna fare in questo caso:

  • Controllare se è stata precedentemente notificata la cartella esattoriale;
  • cercare di capire se l'importo addebitato, e che risulta non pagato, è effettivamente un importo che da pagare;
  • contattare l' Ente creditore cheha dato origine al provvedimento, e chiedere quale debito ha prodotto il fermo.

A questo punto ci sono due possibilità:

  1. Il debito non era dovuto.
  2. Il debito era dovuto.

Il provvedimento di SGRAVIO o SOSPENSIONE o Revoca del fermo amministrativo.

Se il debito non era dovuto il concessionario deve provvedere (a proprie spese) all'annullamento  del fermo amministrativo iscritto al PRA emettendo un provvedimento di sgravio.

La revoca ed il ricorso per l'annullamento del FERMO.

Il debito era dovuto. Occorre quindi effettuare al più presto il pagamento del dovuto per evitare sanzioni ulteriori.

L'iscrizione del fermo amministrativo può essere annullata nel caso in cui ci siano dei vizi di forma o di sostanza nella procedura. Ecco le istruzioni per presentare ricorso al Giudice competente.

Pagamento a rate del FERMO AMMINISTRATIVO.

Il pagamento dell'importo dovuto può essere rateizzato dall'Ente riscossore, fino a 120 rate a seconda dell’importo, ma spesso il fermo amministrativo rimane iscritto sull veicolo finché non sia stato estinto l’intero debito.

Articoli collegati: