Radiare veicolo dal PRA: Se la rottamazione del veicolo avviene in un paese straniero.

Se la rottamazione del veicolo avviene in un paese straniero.

Occorre distinguere due casi:

1 - Rottamazione in paese comunitario

Se il veicolo è stato consegnato ad un centro di raccolta operante in un paese comunitario occorre presentare al PRA, per effettuare la radiazione,  un documento  equivalente al certificato di rottamazione italiano o comunque contenete i requisiti minimi previsti dalle disposizioni CEE, ossia:
 
• dati e autorizzazione del demolitore;
• dati del veicolo;
• dati anagrafici del detentore;
• data di presa in carico.

Se non si dispone della documentazione necessaria, è possibile autocertificare l'evento ai sensi della  L.445/2000 con una dichiarazione sostitutiva. Avrà però valore  ai fini fiscali e di discarico della responsabilità la data di presentazione della pratica e non quella della presa in carico da parte del demolitore.

Ovviamente vale sempre la regola genrale per cui occorre consegnare al PRA  le targhe e  i documenti di proprietà e di circolazione del veicolo oppure idonea denuncia di smarrimento o furto.

2 - Rottamazione in paese extra-comunitario

Qualora la demolizione sia avvenuta in paese extra UE bisognerà produrre sempre ed in ogni caso una autocertificazione con le sopra citate caratteristiche.

La data che fa stato ai fini della cessazione degli oneri derivanti dalla proprietà del veicolo sarà sempre coincidente con quella di presentazione della pratica al PRA.

Quando non può farsi la radiazione per esportazione?

La radiazione per esportazione non può essere trascritta al PRA quando sul veicolo è iscritto un Fermo Amministrativo.

Articoli collegati: