A+ A A-
  • Categoria: Burocrazia

L' iscrizione all' Aire è obbligatoria?

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

L' AIRE è l’Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero.

L'iscrizione all' AIRE è obbligatoria per tutti i cittadini italiani che trasferiscono la loro residenza all'estero per un periodo minimo di 12 mesi. (art. 6 legge 470/1988)

La residenza all'estero viene definita come il luogo con cui si hanno maggiori legami quotidiani.

Chi deve iscriversi all’ AIRE ?

L'iscrizione all' AIRE è obbligatoria e può essere fatta volontariamente oppure d'ufficio.

Iscrizione volontaria

L'iscrizione deve essere richiesta dall'interessato, per sé e per i propri familiari di cittadinanza italiana, tramite l'Ufficio consolare italiano del luogo di residenza all'estero e deve essere resa dall'interessato all'Ufficio Consolare competente entro 90 giorni dall’arrivo nella circoscrizione Consolare.

L'iscrizione all' AIRE è necessaria per lo svolgimento delle pratiche anagrafiche e per ottenere tutti i documenti ed i certificati che sono rilasciati dall'Ufficio consolare, ivi compresi il rilascio o il rinnovo del passaporto.

iscrizione d'ufficio

L'iscrizione all'AIRE può essere trasmessa anche senza un'espressa richiesta da parte del cittadino qualora il Consolato (o il Comune) venga a conoscenza che il connazionale risieda all'estero . 

In tal caso il connazionale ne sarà informato dal Comune per mezzo di un atto amministrativo.

L’iscrizione all’ AIRE decorre dal giorno in cui il Comune riceve l’apposito modulo di richiesta dal Consolato territorialmente competente all’estero, non può quindi essere retroattiva rispetto alla data di ricezione della richesta al Comune.

Se il cittadino, prima di espatriare, ha notificato al proprio Comune italiano il proprio trasferimento all’estero (atto facoltativo), l’iscrizione all’ AIRE decorre dal giorno della dichiarazione resa in Comune.

In ogni caso, le dichiarazioni rese al Comune non hanno validità se entro 90 giorni dall’arrivo nella circoscrizione Consolare non viene presentata la richiesta di iscrizione all’AIRE presso il Consolato territorialmente competente all’estero.

Non devono iscriversi all'AIRE:

  1. le persone che si recano all’estero per un periodo di tempo inferiore ad un anno;
  2. i lavoratori stagionali;
  3. i dipendenti di ruolo dello Stato in servizio all’estero, che siano notificati ai sensi delle Convenzioni di Vienna sulle relazioni diplomatiche e sulle relazioni consolari rispettivamente del 1961 e del 1963;
  4. i militari italiani in servizio presso gli uffici e le strutture della NATO dislocate all’estero

Come posso verificare lo stato della mia richiesta di iscrizione AIRE ?

È possibile verificare lo stato della richiesta AIRE IN CONSOLATO tramite il portale Fast It (Farnesina Servizi Telematici per gli Italiani all’estero). -> 

Fast It è una piattaforma digitale, realizzata dalla Direzione Generale per gli Italiani all’Estero e le politiche migratorie (DGIT) in collaborazione con la Direzione Generale per l’Amministrazione, l’Informatica e le Comunicazioni (DGAI) per permettere ai connazionali residenti all’estero di iscriversi all’AIRE e comunicare rapidamente eventuali cambi di indirizzo.

Qualora la richiesta dovesse essere incompleta e/o dovesse contenere degli errori, il richiedente riceverà un messaggio al riguardo nell'inbox di Fast It, altrimenti il Consolato processerà la richiesta e lo stato della pratica sarà aggiornato in completa oppure accettata.

Successivamente il Consolato trasmetterà la richiesta AIRE al Comune in Italia competente per la registrazione.

La registrazione ufficiale dell'iscrizione all'AIRE può essere effettuata solamente dal COMUNE IN ITALIA. Infatti, quando trasmette la richiesta, il Consolato richiede al Comune di comunicare direttamente al connazionale, tramite email, l'avvenuta iscrizione o aggiornamento.

Se non si riceve la mail e si vuole verificare l'avvenuta iscrizione occorre rivolgersi direttamente al proprio Comune. Per i recapiti dei Comuni è possibile visitare i siti www.comuni-italiani.it o www.comuni.it

Tagged under: Burocrazia,

.... Basta un attimo ... per cambiare la tua vita e quella di chi ti vuole bene.

Sii prudente sempre ... Basta un attimo ... pensaci prima.

AutoInformazione.org è vicina alle vittime della strada ed ai loro familiari.