Multa e taglio dei punti nella patente per chi parcheggia nelle aree per disabili senza permesso.

Le aree di parcheggio riservate ai disabili sono molto spesso utilizzate da chi non ne ha diritto.

E' una grave mancanza di rispetto verso chi vive una situazione già di per se difficile e nella quale, spesso senza preavviso può ritrovarsi ciascuno di noi.

Il malcostume purtroppo imperversa anche quando basterebbe parcheggiare qualche metro più in là, come riporta Vittorio Brumotti nella trasmissione 'Striscia la Notizia'

E' giusto quindi che vengano previste sanzioni severe per chi non rispetta il disagio grave di chi vive situazioni di disabilità.

La normativa del divieto di sosta nei parcheggi per invalidi.

La sosta nelle aree riservate ai disabili è disciplinata dall’articolo 188 del Codice della Strada:

-per la circolazione e la sosta dei veicoli al servizio delle persone invalide gli enti proprietari della strada sono tenuti ad allestire e mantenere apposite strutture, nonché la segnaletica necessaria, per consentire ed agevolare la mobilità di esse, secondo quanto stabilito nel regolamento.
-i soggetti legittimati ad usufruire delle strutture di cui al comma 1 sono autorizzati dal sindaco del comune di residenza nei casi e con limiti determinati dal regolamento e con le formalità nel medesimo indicate.
-i veicoli al servizio di persone invalide autorizzate a norma del comma 2 non sono tenuti all’obbligo del rispetto dei limiti di tempo se lasciati in sosta nelle aree di parcheggio a tempo determinato.
-chiunque usufruisce delle strutture di cui al comma 1, senza avere l’autorizzazione prescritta dal comma 2 o ne faccia uso improprio, è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 84 a euro 335.
-chiunque usa delle strutture di cui al comma 1, pur avendone diritto, ma non osservando le condizioni ed i limiti indicati nell’autorizzazione prescritta dal comma 2 è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 41 a euro 168.

Il recente DDL per il diritto alla mobilità ha inoltre previsto che i disabili possano parcheggiare nei posti delimitati dalle strisce blu, senza pagare in tutto il territorio nazionale.

Come vengono segnalati i parcheggi riservati ai disabili.

I parcheggi disabili sono individuati con segnaletica:

Verticale - specifici cartelli stradali posizionati all’inizio del posteggio, secondo il senso di marcia. In alcuni casi in posto potrebbe essere riservato ad una specifica auto, in questo caso sul cartello stradale è indicato il numero di targa.

Orizzontale - L’area di parcheggio sarà invece contraddistinta da segnaletica orizzontale sull’asfalto di colore giallo, che distingue i posteggi riservati a specifiche categorie di veicoli: Taxi, Bus, scarico Merci, Forze dell’ordine, ambulanze.

In presenza di queste segnalazioni c'è il divieto di fermata per i veicoli non autorizzati, in quanto rappresentano un intralcio alla circolazione ed alle manovre di parcheggio da parte del disabile.

Le sanzioni per chi sosta sul parcheggio per invalidi senza permesso.

Le sanzioni per la sosta vietata contro chi parcheggia abusivamente negli spazi riservati alle persone con disabilità sono molto severe.

L’ articolo 188 del CdS prevede multe da 84 euro a 335 euro utilizza il posto riservato ai disabili e non possiede o non espone correttamente il contrassegno che certifica il diritto al parcheggio nelle aree riservate.

Inoltre è prevista la decurtazione di 2 punti dalla patente.

Analoga sanzione è applicata ai veicoli che vengono parcheggiati sullo scivolo dei marciapiedi appositamente dedicato al passaggio dei disabili.

Parcheggio abusivo se la segnaletica riporta gli estremi del contrassegno invalidi.

Si il posto è riservato ad una specifica autovettura le conseguenze possono essere ancora più gravi perchè potrebbe configurarsi il reato di violenza privata con le relative conseguenze penali.

In questa particolare circostanza chi parcheggia senza autorizzazione non solo rischia multa e decurtazione dei punti, ma può essere condannato a risarcire i danni alla persona a cui è riservato il parcheggio.

Una recente sentenza della Corte di Cassazione ha stabilito che parcheggiare sullo spazio riservato al soggetto disabile integra gli estremi del reato di violenza privata: occupare un posto espressamente riservato ai disabili impedisce all’invalido di godere di un suo diritto.

In tal caso la violenza consistite nell’ avere impedito alla persona offesa, occupando uno spazio a lei riservato, di parcheggiare la sua vettura.

Proprio per questo motivo, oltre alla sanzione amministrtativa, si deve procedere penalmente.



Video - Brumotti contro i finti invalidi

Articoli collegati: