La patente A: come fare esame pratico per ottenere il patentino di guida per scooter, motorino e microcar?

Esame pratico per patente A

Dal 1° Aprile 2011, la patente A, prevede il superamento di una prova pratica di guida.

Come avviene già per la patente B delle auto, infatti, per ottenere il patentino che consente di guidare un motorino di 50 cc o una minicar non basterà più superare un quiz con dieci domande, ma si dovrà passare anche l'esame di guida pratica.

Le nuove norme si applicano a coloro che hanno compiuto i 18 anni dopo il 30/9/05

In attesa del patentino la "licenza di guida", si potrà circolare con il foglio rosa che, però, verrà rilasciato solo dopo il superamento dell'esame teorico.

Come fare per prendere la patente A.

Prima di poter sostenere l’esame pratico per ottenere il patentino, è necessario aver superato l’esame teorico.

  1. Occorre innanzitutto prenotarsi per sostenere l'esame teorico: Si tratta di "una prova di controllo delle cognizioni e successivamente, una prova pratica di guida del ciclomotore".
  2. Al superamento della prova di teoria viene rilasciata "un’autorizzazione" per esercitarsi alla guida, una sorta di ‘foglio rosa'.
  3. Il ‘foglio rosa' è valido per sei mesi ed è possibile sostenere l’esame di guida per due volte, a distanza "non inferiore di un mese l’una dall’altra".

La prova pratica per il patentino.

Le esercitazioni con i ciclomotori a due ruote sono consentite "in luoghi poco frequentati", pena delle sanzioni.

Chi invece si esercita sui ciclomotori omologati per il trasporto di un passeggero a fianco del conducente, compresi i quadricicli leggeri, deve avere a bordo un istruttore con un’età non superiore ai 65 anni e titolare di patente B da non meno di dieci anni.

Come accade per le auto e le moto, i ciclomotori per le esercitazioni e la prova pratica devono avere la lettera omologata ‘P’.

La prova pratica non può essere sostenuta prima che sia trascorso un mese dal superamento della teoria.

Essa sarà suddivisa in due fasi distinte fasi propedeutiche:

  • la prima avverrà all’interno di apposite aree chiuse al traffico e servirà a verificare l’effettiva padronanza del mezzo;
  • successivamente avverrà la prova nel traffico cittadino vero e proprio.

Le prove sono differenti a seconda del mezzo.

Quali prove pratiche sono previste per prendere il patentino ciclomotori.

Per i ciclomotori è previsto il superamento delle seguenti prove:

  • un test di slalom; 
  • un percorso ad otto;
  • frenate.

per le Minicar invece saranno richieste prove di:

  • retromarcia;
  • parcheggio;
  • frenata.

La seconda prova per il patentino.

Dopo questa fase si procederà alla seconda prova: l’esame nel traffico alla guida del veicolo.

Superata la prova pratica per la patente A ci si può prenotare per la prova teorica.

Cosa fare in caso di esito negativo della prova pratica per la patente A ?

In caso di esito negativo, deve trascorrere almeno un mese prima di poter sostenere un'altra prova.

La prova teorica per la patente A

Per la prova teorica non c'è nessuna novità rispetto alla disciplina previgente ma, nell'ambito dei corsi di preparazione, è prevista un'ora di lezione su "elementari conoscenze sul funzionamento dei ciclomotori in caso di emergenza".

Chi invece ha già frequentato un corso, se ha già presentato istanza, dovrà sostenere solo l'esame teorico, nel caso però fallisse la prova, dovrà fare un'altra domanda, in questo caso sarà obbligato a svolgere anche la pratica.

Coloro che presentano l'istanza per sostenere la prova teorica della patente A successivamente al 1° aprile 2011, dovranno, quindi, frequentare un'ora supplementare di istruzione.

Con la patente A si può prendere la patente auto a 17 anni

Dal 22 aprile 2012, la Legge 120/2010, ha introdotto la guida accompagnata.

Sarà possibile esercitarsi alla guida dell'auto già dal compimento dei 17 anni in modo da arrivare con maggiore esperienza alla richiesta del foglio rosa per il conseguimento della patente B 

Articoli collegati: