Duplicato del Certificato di Proprietà, si può utilizzare una dichiarazione sostitutiva (autocertificazione) oppure occorre la denuncia alle autorità di Polizia?

Nel caso di smarrimento del certificato di proprietà cartaceo, per poter richiedere il duplicato del CdP, occorre sporgere denuncia di smarrimento presso una caserma della Polizia o dei Carabinieri.

Può capitare peò che, invece che sotto forma di denuncia, il fatto venga verbalizzato come dichiarazione  sostitutiva dell'avvenuto. Si pone quindi il problema della sua idoneità per la richiesta al PRA  del duplicato del CDP.

Ricordiamo che dal 5 ottobre 2015 il Certificato di Proprietà viene rilasciato in forma digitale CDPD: in questo caso non occorre nessuna denuncia di smarrimento.

Poichè, infatti, da un punto di vista strettamente giuridico, lo smarrimento (o la distruzione) di un documento pubblico non integra nessuna ipotesi di reato, le autorità di Polizia, in luogo della denuncia, ricevono una dichiarazione di smarrimento, spesso nella forma di dichiarazione sostitutiva.

Tale autocertificazione non è idonea per la richiesta del duplicato del certificato di proprietà presso il Pubblico Registro Automobilistico.

Il punto di partenza, l'art 47 della legge 445/2000

Il Decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000 n. 445 (Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa) all'art 47 recita:

Art. 47 (R) Dichiarazioni sostitutive dell'atto di notorietà

1.- 3  .....
4. Salvo il caso in cui la legge preveda espressamente che la denuncia all'Autorità di Polizia Giudiziaria è presupposto necessario per attivare il procedimento amministrativo di rilascio del duplicato di documenti di riconoscimento o comunque attestanti stati e qualità personali dell'interessato, lo smarrimento dei documenti medesimi è comprovato da chi ne richiede il duplicato mediante dichiarazione sostitutiva.

La normativa speciale che regola il PRA

Con riferimento al citato articolo, il rilascio del duplicato del certificato di proprietà è disciplinato dalla normativa speciale che regola il PRA. L'art 13 del D.M.514/1992, al comma 1, prevede che: "idonea documentazione deve prodursi al PRA per provare l’indisponibilità del documento di proprietà quando ne è prescritta la consegna al predetto ufficio; la sottrazione, la distruzione o lo smarrimento sono attestati dalla denunzia resa alla competente autorità di pubblica sicurezza"

La normativa è chiara e quindi il PRA non può accettare, in sostituzione della denuncia di smarrimento, la dichiarazione di smarrimento, ancorchè resa nella forma di autocertificazione.

Le disposizioni del  D.M.514/1992 sono state successivamente ribadite dal Dipartimento della Funzione Pubblica presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri che ha ribadito l'obbligatorietà della denuncia di smarrimento sporta ai competenti organi di pubblica sicurezza.

Solo se la denuncia è già stata sporta alle autorità di P.S., al PRA si può presentare una dichiarazione sostitutiva di aver reso denuncia.

La denuncia deve contenere gli elementi indispensabili all’identificazione del veicolo. La denuncia può anche essere presentata da un terzo, in questo caso, la stessa, deve contenere la specifica indicazione dell’effettivo intestatario al PRA.

Articoli collegati: