Pilot4Safety, formazione di esperti sulla gestione della sicurezza delle infrastrutture stradali.

Stampa
Categoria: Sicurezza
Creato 17 Ottobre 2011 Ultima modifica il 25 Luglio 2012
primi sui motori con e-max

La gestione della sicurezza delle infrastrutture

La Direttiva 2008/96/CE sulla gestione della sicurezza delle infrastrutture stradali è recepita dall'Italia con il D.Lgs. n. 35 del 15 marzo 2011 che prevede i controlli dei progetti nelle diverse fasi di progettazione, le ispezioni sulle strade esistenti, la classificazione della sicurezza della rete e la formazione di esperti della sicurezza stradale.

Il decreto si applica alle strade di interesse nazionale che fanno parte della rete stradale transeuropea TEN-T, siano esse in fase di pianificazione, di progettazione, in costruzione o già aperte al traffico mentre per tutte le altre strade, le disposizioni costituiscono norme di principio. A decorrere dal 1° gennaio 2016 la disciplina si estenderà alla restante rete stradale di interesse nazionale (di cui al D. Lgs. 461/99 e s.m.), non compresa nella rete stradale transeuropea.

Entro il 31 dicembre 2020 le Regioni e le Province Autonome, nel rispetto dei principi stabiliti dal D. Lgs. 35/11, detteranno la disciplina riguardante la gestione della sicurezza delle infrastrutture stradali di competenza delle Regioni e degli Enti Locali.

La figura dei Pilot4Safety

Nasce quindi una nuova figura professionale: i Pilot4Safety: figure professionali di "road safety audit" e "road safety inspection".

"Sono una nuova figura professionale a livello europeo per la sicurezza che va dalla cultura all'adeguamento professionale,  la loro funzione è acquisire una conoscenza che verrà messa a disposizione di chi deve fare le strade e curare le infrastrutture. Nel complesso le nostre iniziative hanno come obbiettivo l'adeguamento delle nostre strade con interventi diretti e in collaborazione con le amministrazioni. Sono interventi di adeguamento importanti e in assestamento di bilancio stiamo studiando un quadro complessivo di interventi, ne abbiamo tanti di messa in sicurezza per questo è importante avere un monitoraggio preciso degli interventi per intervenire nelle situazioni piú critiche".

Pilot project for common EU Curriculum for Road Safety experts: training and application on Secondary Roads On 19 November 2008, the European Parliament and Council issued Directive 2008/96/CE on road infrastructure safety management, which foresees a series of safety checks, as well as training and certification of road safety auditors. When the directive is adopted by the Member States, it will apply to the TEN-T road network (covering only a part of EU highways), while the highest number of fatalities occurs on the so-called "secondary roads".

To overcome this barrier, PILOT4SAFETY aims to apply the Directive's approaches related to training and certification of Road Safety Experts for the application of Road Safety Audit and Road Safety Inspection procedures to selected secondary roads, in the EU Regions represented in the project. The idea is to share good practices and define common agreed training curricula and tools for qualification of road safety personnel. Verification in field studies will take place to check if such qualifications can be reciprocally recognized in five different European Regions, with two “field trials” for each Region.

Pilot4Safety is supported by funding from the DG MOVE of the European Commission under grant agreement: MOVE/SUB/2010/D3/300-1/SI2.560087/PILOT4SAFETY.

primi sui motori con e-max

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna