Su questo sito usiamo i cookies, anche di terze parti, per una migliore esperienza di navigazione su internet. Per maggiori dettagli o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca "Approfondisci".

Cliccando "SI, prosegui la navigazione" acconsenti che ti siano mostrate pubblicità il più possibile in linea con i tuoi interessi, secondo quanto stabilito dal GDPR.

logo

A+ A A-

Ambiente

Auto e Ambiente

Auto ed ambiente

 

 

 

 Possiamo difendere il nostro ambiente e  continuare ad utilizzare quella meraviglia del progresso che è l'auto?

Si, se avviene in modo responsabile!


 

  • Categoria: Ambiente

Incentivi auto 2014, come fare per ottenerli.

Valutazione attuale:  / 0

Partono il 6 maggio gli incentivi auto 2014.

Da questa data, infatti, i venditori registrati all’area dedicata del Ministero dello Sviluppo Economico potranno prenotare i contributi ed avere così gli sconti da riservare ai propri clienti attraverso la piattaforma dedicata sul sito www.bec.mise.gov.it.

Il fondo destinato agli eco-incentivi 2014, più di 63 milioni di euro, è destinato a promuovere la mobilita' sostenibile favorendo l'acquisto di veicoli a basse emissioni complessive, compresi quelli a trazione elettrica, ibrida, a Gpl, a metano, a biometano, a biocombustibile e a idrogeno, che producono emissioni di CO2 non superiori a 120 g/km e ridotte emissioni di ulteriori sostanze inquinanti.

Distribuzione degli incentivi.

I fondi per gli incentivi, sono distribuiti con queste modalità:

  • il 15% per l’acquisto di  veicoli con emissioni di anidride carbonica che non superino i 50 g/km;
  • il 35 % per l’acquisto di veicoli con emissioni di anidride non superiori a 95 g/km;
  • il 50% per l’acquisto di veicoli con emissioni non superiori a 120 g/km.

A chi sono riservati gli incentivi.

Mentre nei primi due casi gli incentivi 2014 sono riservati a tutte le categorie di acquirenti e non c’è bisogno di rottamare un veicolo inquinante, nel caso dei veicoli con emissioni entro i 120 g/km gli incentivi sono per mezzi destinati all’uso di terzi o nell’esercizio di imprese, arti e professioni e che siano impiegati come beni strumentali nell’attività propria dell’impresa.

Si riduce quindi, rispetto al 2013, la quota di incentivo a favore delle flotte aziendali che però potranno comunque contare su una cospicua metà delle risorse disponibili, a condizione che le imprese rottamino un mezzo obsoleto con un'anzianità di oltre 10 anni.

La rottamazione non è invece obbligatoria nel caso dell'acquisto di veicoli con emissioni di CO2 non superiori a 95 g/km, categoria in cui rientrano prevalentemente i veicoli elettrici oppure ibridi.

  • Categoria: Ambiente

LifeGate lancia RoadApp, l'app che calcola e confronta l'eco-sostenibilità.

Valutazione attuale:  / 0

 

Non nuova al tema della sostenibilità ambientale, LifeGate lancia la prima web-application che calcola e confronta l'eco-sostenibilità delle auto in circolazione, si tratta di RoadApp.

RoadApp sfrutta una banca dati di oltre 6.000 modelli presenti sul mercato e consnte di confrontare due auto tenendo in considerazione non solo le emissioni di C02, ma anche altri quattro indicatori principali: risparmio economico, innovazione tecnologica, serenità di guida e caratteristiche del veicolo.

Con RoadApp di LifeGate si può scoprire il livello di sostenibilità delle automobili in circolazione grazie al rating Mobility Revolution.

Tutti gli indicatori del rating Mobility Revolution sono stati selezionati per rispondere alle richieste provenienti dalle persone, dalle aziende, dai mobility manager.

Qualificati professionisti hanno coniugato in un unico strumento i dati meccanici, tecnico-costruttivi, ed ecologici con lo stile di vita individuale, la persona, l’automobilista.

Inoltre, si possono calcolare e confrontare le emissioni di CO2 e il costo di carburante annuo in base ai chilometri medi percorsi e alla tipologia di percorrenza.

RoadApp si può provare dal sito di Lifegate .