A+ A A-

  • Categoria: Pratiche auto
  • Visite: 990

Foglio complementare, CDP e CDP Digitale: cosa sono e che differenza c'è.

Foglio complementare, Certificato di Proprietà (CDP) e Certificato di Proprietà Digitale (CDPD) sono lo stesso documento?

Sostanzialmente sono lo stesso documento, rilasciato dal Pubblico Registro Automobilistico - PRA, che attesta la proprietà di un veicolo ed i vincoli che vi gravano.

Fino al 1994 come documento di proprietà veniva rilasciato il foglio complementare. Lo stesso documento veniva aggiornato ad ogni passaggio di proprietà e quindi rilasciato al nuovo proprietario. Su di esso venivano annotate anche le ipoteche e loro cancellazioni.

Dal 1994 il foglio complementare viene sostituito dal Certificato di Proprietà (CDP). Il nuovo titolo di proprietà assolve tre funzioni:

  • E' una certificazione che attesta la proprietà ed i vincoli;
  • è predisposto per la compilazione ed autentica dell'atto di vendita;
  • può essere usato come nota di trascrizione PRA, così come il mod NP3.

A differenza del foglio complementare sul quale venivano annotate le nuove iscrizioni, in caso di nuova formalità il CDP deve essere consegnato al PRA che ne emette uno nuovo con i dati aggiornati.

Così come per il foglio complementare, in caso di smarrimento o furto del CDP occorre sporgere denuncia alle Autorità di PS.

Il Certificato di Proprietà Digitale (CDPD) è l'evoluzione cloud del CDP. Non viene più emesso il documento cartaceo ma viene rilasciato una attestazione che da la possibilità di vedere, e se si vuole, stampare il CDPD, solo come promemoria in quanto non può più essere usato per compilare l'atto di vendita. In caso di vendita quindi quindi il proprietario deve avere la sola carta di circolazione.

Il CDPD non può più essere smarrito o rubato quindi non occorre nessuna denuncia se non si trova più l'attestazione a suo tempo rilasciata dal PRA.

Solo in casi particolari in cui non si fa contestualmente la trascrizione della formalità (es quando si vuole fare l'atto di vendita in Comune), occorre prima fare 'materializzare' (al PRA o presso uno STA) il CDPD contenente i dati del nuovo acquirente.

Quale sarà il futuro di Foglio complementare, Certificato di Proprietà (CDP) e Certificato di Proprietà Digitale (CDPD)?

Dal 1° gennaio 2019, chi farà una nuova trascrizione al PRA non riceverà più nessuno di questi documenti ma il nuovo 'Documento Unico dei veicoli'.
Si tratta della integrazione dei due archivi PRA e Motorizzazione che consente di rilasciare al cittadino un documento unico che comprende sia i dati tecnici che quelli giuridici di un veicolo.

Il futuro è alle porte! 

Tagged under: CDPD,

(c) AutoInformazioni