Su questo sito usiamo i cookies, anche di terze parti, per una migliore esperienza di navigazione su internet. Per maggiori dettagli o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca "Approfondisci".

Cliccando "SI, prosegui la navigazione" acconsenti che ti siano mostrate pubblicità il più possibile in linea con i tuoi interessi, secondo quanto stabilito dal GDPR.

logo

A+ A A-

Vendita auto: Abolizione della riduzione IPT in misura fissa per atti soggetti ad IVA. Manovra bis decreto legge 13 agosto 2011 n. 138.

Valutazione attuale:  / 5
ScarsoOttimo 

Verrà tolta la possibilità, già prevista per le vendite dei veicoli, di assolvere l'Imposta Provinciale di Trascrizione' (IPT) in misura fissa per quiei veicoli per il cui acquisto era già stata scontata l'IVA essendo stata emessa fattura.

Viene quindi eliminato il diverso trattamento riservato agli acquisti di veicoli 'soggetti ad IVA'.

Questa abolizione riguarderà, principalmente, i veicoli nuovi acquistati presso il concessionario. L’acquisto presso un concessionario infatti comporta solitamente l’emissione della fattura a prescindere dalla richiesta dell’acquirente. Infatti, già dal 98, la riforma Visco prevedeva il pagamento dell'imposta fissa per gli acquisti dai concessionari soggetti ad IVA.

Sono però anche molti i casi di veicoli usati che, venduti da società o professionisti, sono accompagnati dall'emissione della relativa fattura.

Eliminata tale agevolazione, le formalità di prima iscrizione o di trasferimento di proprietà riguardanti la registrazione di questi atti dovranno pagare l'IPT in misura proporzionale all'elemento fiscale (o KW).

Quando entrerà in vigore l'aumento.

La nuova normativa avrà efficacia a decorrere dalla  data di entrata in vigore della legge di conversione del citato decreto.

La legge di conversione del D.L. 138/2011 è stata pubblicata sulla Gazzetta ufficiale del 16 settembre 2011.

Quali Province sono interessate dalla nuova norma.

Saranno interessate dalla nuova disposizione, inizialmente, tutte le Province a statuto ordinario. Per le province ubicate nei territori delle regioni a statuto speciale e delle province autonome di Trento e di Bolzano, c'è bisogno dei rispettivi decreti che recepiscono la normativa. Occorre infatti osservare il comma 5 dell'art. 17 del Dlgs. 6 maggio 2011, n° 68 il quale prevede che la decorrenza e le modalità di applicazione delle disposizioni nei confronti delle autonomie speciali, in conformità con i relativi statuti, siano stabiliti con le procedure previste dall'articolo 27 della legge 5 maggio 2009 n° 42.

Il decreto legge 6/12/2011 n° 201, che disciplina 'Disposizioni urgenti per la crescita, l'equità ed il consolidamento dei conti pubblici" ha abolito tale diseguaglianza. LEGGI L'ARTICOLO

Con quale criterio, e da quale data, il PRA applicherà la norma alle richieste di trascrizione.

L'obbligo tributario di corrispondere l'imposta sorge a seguito della richiesta della formalità di trascrizione, iscrizione ed annotazione dei veicoli, presentata dal soggetto interessato all'Ufficio Provinciale del Pubblico Registro Automobilistico (PRA).

Non potranno quindi usufruire dell'imposta fissa per gli atti soggetti ad IVA e dovranno pagare su base proporzionale all'elemeto fiscale, le richieste di trascrizione di formalità PRA  presentate, per la prima volta dal 19 Settembre 2011.

Non sarà richiesta nessuna integrazione per le formalità in seconda presentazione (ossia quelle presentate in data precedente e respinte per mancanza di qualche requisito).

Quali veicoli sono interessati alla nuova disciplina.

Sono soggetti all'aumento del costo del trasferimento tutti gli autoveicoli con potenza fiscale superiore ai 53 Kw.

Di quanto sarà l'aumento del costo per la trascrizione degli atti di vendita.

Si stima che l'aumento dell'IPT potrebbe essere:

  • Vettura di piccola cilindrata  ( 54Kw)   =  circa 74  euro
  • Vettura di media  cilindrata  ( 84Kw)   =  circa 111 euro
  • Vettura di grossa cilindrata  ( 200Kw)  =  circa 580 euro

Nelle more:

Fino alla data di entrata in vigore della legge di conversione del decreto legge n. 138/2011, il versamento dell’imposta avverrà ancora nella misura fissa di 150,81 euro maggiorata della percentuale stabilita dalla provincia di competenza.

Testo del Decreto-legge 13 agosto 2011, n. 138
Titolo I
DISPOSIZIONI PER LA STABILIZZAZIONE FINANZIARIA
Art. 1
Disposizioni per la riduzione della spesa pubblica
...........
comma 12. L'importo della manovra prevista dal comma 8 per l'anno 2012 può essere complessivamente ridotto di un importo fino al 50 per cento delle maggiori entrate previste dall'articolo 7, comma 6, in considerazione dell'effettiva applicazione dell'articolo 7, commi da 1 a 6, del presente decreto. La riduzione è distribuita tra i comparti interessati con decreto del Ministro dell'economia e delle finanze, d'intesa con la Conferenza unificata. La soppressione della misura della tariffa per gli atti soggetti ad IVA di cui all'articolo 17, comma 6, del decreto legislativo 6 maggio 2011, n. 68, nella tabella allegata al decreto ministeriale 27 novembre 1998, n. 435, recante "Regolamento recante norme di attuazione dell'articolo 56, comma 11, del D.Lgs. 15 dicembre 1997, n. 446, per la determinazione delle misure dell'imposta provinciale di trascrizione", ha efficacia a decorrere dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, anche in assenza del decreto del Ministro dell'economia e delle finanze di cui al citato articolo 17, comma 6, del decreto legislativo n. 68 del 2011. Per tali atti soggetti ad IVA, le misure dell'imposta provinciale di trascrizione sono pertanto determinate secondo quanto previsto per gli atti non soggetti ad IVA. Le province, a decorrere dalla medesima data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, percepiscono le somme dell'imposta provinciale di trascrizione conseguentemente loro spettanti.

Articoli correlati:

 

 

Aggiungi commento

All comments are moderated: NO SPAM
Non sono accettati commenti contrari alla legge ed al buon comportamento.
Non si accetta spam o link a scopo pubblicitario.


Codice di sicurezza
Aggiorna