Su questo sito usiamo i cookies, anche di terze parti, per darti una migliore esperienza di navigazione su internet.

Per maggiori dettagli o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca "Approfondisci".

Cliccando "SI, prosegui la navigazione" acconsenti che ti siano mostrate pubblicità il più possibile in linea con i tuoi interessi, secondo quanto stabilito dal GDPR.

A+ A A-
  • Categoria: Attualità
  • Visite: 6299

IMU, l'imposta sulla casa che sostituisce l'ICI, come si calcola e come si aggiornano le rendite catastali.

Valutazione attuale:  / 7
ScarsoOttimo 

L'IMU è l’Imposta Municipale Unica sugli immobili di proprietà e sostituisce sia l’Ici sia l’Irpef sui redditi fondiari. Si tratta di un’imposta pesante, una vera e propria patrimoniale sulle case e su tutti gli altri edifici che pesa molto più dell’ICI sia perché la vecchia tassa esentava dal pagamento le prime case, sia perchè per l’IMU sono previsti dei moltiplicatori molto onerosi.

Come si calcola praticamente l'importo IMU da pagare?

Si parte dalla rendita catastale dell’edificio di cui si è proprietari; occorre quindi aumentare la rendita catastale del 5%; il risultato deve poi essere parametrato ad un coefficiente di rivalutazione variabile a seconda della categoria catastale dell’immobile; a questo valore si applica l’aliquota stabilita dal comune (può essere da questi aumentata o dimimuita); dal risultato si sottraggono, se ci sono, le detrazioni forfettarie.

Quali sono le aliquote dell'IMU

Le aliquote ordinarie, valide su tutto il territorio dello Stato, sono state fissate dalla manovra Monti e sono:

  • dello 0,4 % (o 4 per mille) sulla prima casa e
  • dello 0,76% (o 7,6 per mille) sulle altre; del 2 per mille per i fabbricati rurali strumentali all’attività agricola (stalle, cascine, fienili).

Le aliquote possono essere variate dello 0,2% entro il prossimo 30 settembre, per quest’anno anche lo Stato, entro il 30 luglio e dopo aver valutato il gettito del primo versamento,  può decidere ulteriori cambi dell’aliquota.

Quali sono le scadenze per il pagamento dell'IMU?

Le scadenze fissate per il pagamento dell'IMU sono 2:

  • per l'acconto, il 16 giugno di ogni anno (ma quest’anno slitta al 18 giugno perché cade in un giorno prefestivo) al 3 Aprile 2012 l'acconto IMU di Giugno 2012 verrà pagato con le aliquote di base, senza le addizionali comunali dato che solo 6 grandi comuni hanno deliberato e stabilito le percentuali di aumento dell'imposta. Quindi entro il 18 Giungo si deve pagare il 50% dell'imposta base dovuta.;
  • il saldo va invece pagato entro il 16 dicembre (e cadendo di domenica slitta quest’anno il 17);

Aggiornamento 17/4/12: l'IMU per la prima casa potrà essere pagata in 2 o 3 rate
Un emendamento, approvato dalla commissione Finanze della Camera, prevede che l'Imu sulla prima casa potrà essere pagata, a scelta del contribuente, in due o tre rate.

Il contribuente potrà decidere, entro il 16 giugno data di scadenza della prima rata, se pagare il 33%, e avere altre due rate in scadenza, una a settembre e l'altra a dicembre, oppure se pagare il 50% e avere una seconda e ultima rata a dicembre.

Quali sono le detrazioni previste per l'abitazione principale?

La legge prevede, per l’abitazione principale, una detrazione fissa di 200 euro a cui si devono aggiungere 50 euro per ogni figlio a carico di età non superiore a 26 anni.

Per ciò che riguarda invece la casa di proprietà di anziani o disabili, "I Comuni possono considerare direttamente adibita ad abitazione principale che acquisiscono la residenza in istituti di ricovero o sanitari". La casa però non deve risultare locata.

I Comuni potranno inoltre agevolare, come abitazione principale, la casa "posseduta da cittadini italiani non residenti nel territorio dello Stato, a titolo di proprietà o di usufrutto in Italia, a condizione che non risulti locata".

Quali sono i nuovi coefficienti di rivalutazione delle categorie catastali?

La manovra del governo Monti ha deciso un aumento dei coefficienti catastali, che servono per adeguare la “rendita catastale” degli immobili. I coefficienti delle altre categorie catastali sono:

  • 160 per abitazioni, box, magazzini e tettoie;
  • 130 per i terreni agricoli;
  • 110 per i terreni di coltivatori diretti e imprenditori iscritti alla previdenza agricola;
  • 140 per scuole, uffici pubblici, caserme, laboratori artigiani, palestre e stabilimenti balneari; 80 per banche e assicurazioni;
  • 60 nel solo 2012 (e 65 dal 2013) per gli immobili destinati a usi produttivi; e
  • 55 per negozi e botteghe.

 

Scarica gratis il modello F24 per pagare l'IMU.

Scarica gratis la bozza della delega fiscale.
 

Aggiungi commento

All comments are moderated: NO SPAM
Non sono accettati commenti contrari alla legge ed al buon comportamento.
Non si accetta spam o link a scopo pubblicitario.


Codice di sicurezza
Aggiorna