VEICOLO IBRIDO, cosa è e quali sono le sue caratteristiche tecniche.

Stampa
Categoria: Ambiente
Creato 09 Maggio 2013 Ultima modifica il 09 Maggio 2013
primi sui motori con e-max

Veicolo ibrido, schema costruttivoIl VEICOLO IBRIDO, ai sensi della Direttiva Europea 2007/46/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 5/9/2007, è un veicolo che trae energia per la sua propulsione da due fonti di accumulazione di energia installate a bordo:

  • - Una con carburante di consumo (benzina, gasolio, gpl, metano);
  • - un dispositivo di accumulazione di energia elettrica come batterie, condensatore; volani ad azionamento elettrico.

Il motore a combustione interna trasforma quindi l'energia chimica traendola da un combustibile facilmente approvvigionabile mentre il motore elettrico converte un'energia disponibile a bordo accumulata precedentemente ed integrata durante la marcia in quanto ogni veicolo ibrido sfrutta i rallentamenti del veicolo durante le frenate per generare energia altrimenti dissipata nei freni.

Capacità di immagazzinare l'energia.

A seconda della capacità del sistema di propulsione ibrido di immagazzinare energia elettrica si realizzano sistemi di ibridazione caratterizzati da una decrescente percorrenza in modalità elettrica pura.

  • ibridazione piena (full hybrid), quando  il sistema elettrico è in grado da solo di far avanzare il veicolo su un ciclo di guida normalizzato;
  • ibridazione leggera (mild hybrid), quando il modo di funzionamento puramente elettrico non è in grado di seguire per intero un ciclo di guida normalizzato;
  • ibridazione minima (minimal hybrid), normalmente confusa con la propulsione tradizionale munita del sistema di economizzazione del carburante definito start & stop.

Le categorie dei veicoli ibridi.

I veicoli ibridi si dividono in due categorie:

  • gli ibridi di tipo serie;
  • gli ibridi di tipo parallelo.

I primi sono limitati quasi esclusivamente ai mezzi pesanti come gli autobus mentre quelli "tipo parallelo", sono maggiormente diffusi tra le automobili.

Negli ibridi "tipo serie" un generatore elettrico alimenta il motore di trazione e, nella marcia a potenza ridotta, ricarica anche le batterie, mentre le batterie integrano il generatore quando sono richiesti spunti di potenza.

Le emissioni ed i consumi sono molto bassi, perché il progetto del sistema di trazione è ottimizzato per le condizioni medie di funzionamento corrispondenti alla missione del veicolo.

Negli ibridi "tipo parallelo" il motore termico rimane normalmente collegato alla trasmissione, girando quindi a velocità e coppia variabili. Un secondo motore, elettrico, interviene nelle situazioni di guida previste dal costruttore recuperando l'energia in frenata per eventualmente integrare la ricarica delle batterie durante la marcia.

primi sui motori con e-max

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna